testata_web_pin.jpg
primadonna_headline_pin980x89.jpg

Pause
  • 1

  • 2

  • 3

  • 4

  • 5

  • 6

  • 7

Sarà la prima tappa italiana dopo l'inizio in Irlanda. La tappa Giovinazzo-Bari aprirà ufficialmente, in terra Italiana, il Giro d'Italia 2014. Questa mattina a Palazzo di Città è stato presentato il calendario delle iniziative e gli eventi collaterali alla 4° tappa della corsa in programma il prossimo 13 maggio. I dettagli sulle diverse iniziative organizzate dalle amministrazioni comunali coinvolte e dal Comitato di tappa, sono stati illustrati dal sindaco di Bari Michele Emiliano, dagli assessori allo Sport e al Marketing territoriale, Elio Sannicandro e Antonio Vasile, e dai sindaci e dagli assessori allo Sport dei Comuni di Giovinazzo, Molfetta e Bitonto. 

"Oggi sono particolarmente felice ed emozionato - ha dichiarato il sindaco Emiliano - perché concludo dieci anni di governo della città con un evento straordinario come il Giro d’Italia. Il ciclismo, e la fatica sportiva che lo contraddistingue, sono la giusta metafora di questi anni di amministrazione, durante i quali abbiamo pedalato tantissimo e lo abbiamo fatto tutti insieme".

Lungo 9 km, il percorso barese della tappa partirà da viale Europa per percorrere via Bruno Buozzi, via Crispi, via Brigata Regina, via Napoli, via Ammiraglio Caracciolo, lungomare Vittorio Veneto, lungomare De Tullio, lungomare Imperatore Augusto, lungomare Araldo di Crollalanza, via Goffredo di Crollalanza, tratto di corso Sonnino, via Cardassi, corso Cavour, corso Vittorio Emanuele, via Bonazzi, via Napoli e poi ricominciare il percorso. "Un appuntamento così importante - ha commentato Sannicandro - non poteva che essere accompagnato da una ricco calendario di eventi. Sono tantissimi e organizzati assieme ai Comuni di Giovinazzo, Molfetta e Bitonto e al Comitato di tappa. Il nostro traguardo è arrivare al 13 maggio pronti ma arriveremo a quella data con un programma a tappe. C’è già molto interesse: i media di 163 paesi del mondo seguiranno questo evento straordinario e per questo è fondamentale la massima collaborazione dei cittadini".  

"Avremo gli occhi puntati da diverse parti del mondo - ha concluso Vasile - anche perché saremo nel pieno della programmazione del maggio barese. Bari arriverà pronta all'evento anche grazie agli eventi collaterali, sia sportivi sia culturali. Si parte il 27 aprile, anche se abbiamo già cominciato con l’autobus ‘rosa’, in giro da qualche giorno per le strade di Bari".

Per motivi di sicurezza verrà limitata la possibilità di circolazione e di sosta delle auto nelle vicinanze del percorso, che sarà chiuso a traffico dalle ore 12 fino alle 18. Sarà quindi necessario liberare le strade dalle autovetture in sosta già dalla sera del 12 maggio. Al fine di limitare i disagi, i residenti delle aree interessate dal percorso del Giro d’Italia potranno fruire gratuitamente dei parcheggi predisposti nell'area portuale. Saranno inoltre organizzati dei servizi navetta da e verso i parcheggi del porto e potenziati i mezzi pubblici in circolazione attraverso corse straordinarie.

{gallery}fotogiro{/gallery}

 

A Bari, nella libreria ZAUM/interno 4, ci sono libri già pagati che aspettano nuovi lettori, grazie all’iniziativa “libro sospeso”, ideato e lanciato la scorsa settimana sul web dal titolare Arcangelo Licino e dalla docente Marina Losappio Triggiani, al fine di promuovere la lettura e coinvolgere i cittadini in un nuovo progetto culturale. 

L’appuntamento, previsto alle 18.00 di questo pomeriggio in via Cardassi 85/87, prende spunto da quello organizzato a Milano da Cristina Di Canio, titolare della libreria Il Mio Libro”, e dal “caffè sospeso” napoletano, dove – per tradizione – chi  voleva, poteva pagare due caffè e berne uno, in modo dal lasciar al cliente successivo, la possibilità di berne uno gratis.

 Da Zaum, il dono non può che essere un libro: chi entrerà prima in libreria, potrà acquistarne uno per il cliente successivo che, se vorrà, potrà fare altrettanto con quelli che seguiranno.

 L’auspicio è una reazione a catena che ha già mosso curiosità ed entusiasmo in rete: numerosi cittadini baresi, infatti, hanno accolto positivamente l’iniziativa, plaudendo al coraggio e alla fantasia degli ideatori.

 Anche il “libro sospeso” , come sottolineato da Gianfranco Licino, da un lato intende far fronte alla crisi delle librerie indipendenti, dall’altro auspica la promozione del progetto per iniziare a costruire, prima a Bari e poi in Puglia, una rete di librerie che adottino e promuovano la medesima pratica, in moda da sensibilizzare maggiormente i cittadini alla lettura.

 Quello di oggi, infatti, non è solo un appuntamento con i libri, ma anche un’occasione per crescere, scambiare opinioni, proporre iniziative e diffondere la cultura dentro e fuori la città.

E' siciliano il primo classificato del concorso "Marce della Passione" di Mottola, nel tarantino, riservato alle marce inedite.

In finale sono arrivati compositori dalla Puglia e dalla Sicilia: il Sud conferma le sue grandi doti artistiche e porta a casa i cinque premi della dodicesima edizione del Concorso Nazionale per Marce Inedite della Passione “Città di Mottola”, ospitato nella locale Chiesa Madre Santa Maria Assunta. Numerose le composizioni arrivate anche da altre regioni e, in particolare, da Piemonte, Lazio, Umbria e Calabria. Ciò a conferma della risonanza della manifestazione, unica nel suo genere in tutta Italia.

A portare a casa il primo premio è stato il Maestro Raffaele Iacono, originario della provincia di Ragusa. Con la marcia “Piccoli Angeli” ha guadagnato il “Trofeo Città di Mottola” e la somma di 1.200 euro. Sempre a lui è andato anche il premio speciale “Franco Leuzzi”. Inoltre, per la prima volta nella storia del concorso, il voto della giuria tecnica e di quella popolare ha coinciso. Secondo e terzo classificato, sono stati rispettivamente i maestri Salvatore Miraglia (Acireale) e Mario Gagliani (Latiano) che hanno portato a casa 400 e 200 euro. I Maestri Rocco Di Rella (Ruvo di Puglia) e Giuseppe Lo Gioco (Enna) guadagnano quarto e quinto posto e la somma di 150 euro a testa.

“I riconoscimenti in denaro- spiegano gli organizzatori- vogliono rappresentare un piccolo incentivo, anche per i più giovani, a proseguire nel solco della tradizione”. Il concorso, infatti, nasce per promuovere la composizione di nuove marce per la Settimana Santa e suscita un grande interesse nel mondo accademico musicale italiano. Dei premi- a partire proprio da questa edizione- si è fatta carico l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Pinto.

Presidente della giuria di esperti, il Maestro Carmine Santaniello, direttore del Conservatorio di Avellino, che ha espresso grande apprezzamento per l’evento, sottolineando anche la qualità e l’alto valore artistico dei lavori pervenuti. L’organizzazione è a cura della Confraternita del Santissimo Sacramento e Rosario di Mottola, con il patrocinio di Comune, Regione Puglia e GAL “Luoghi del Mito”.

Ad aprire la serata di premiazione, l’attesissimo “Concerto della Passione”, con esecuzione delle marce in concorso a cura dello storico Gran Concerto Bandistico “Città di Mottola” diretto dal Maestro Rocco Pellegrino. La manifestazione, che non persegue scopi di lucro, ha ricevuto nel 2012 l’Alto Patrocinio del Capo dello Stato. Direttore artistico è il Maestro Pietro De Mitis, Presidente e Vicepresidente sono rispettivamente don Sario Chiarelli e Antonio Nigro.  L’evento è stato anche seguito in diretta sul sito labellephoto.it, che ha registrato 2000 visitatori.

Arriva sul palco con passo lento, lascia fuori la coppola nera che rimetterà poi, una volta uscito dal Petruzzelli e saluta, con la delicatezza dei grandi, le 1500 persone venute lì per lui.

Andrea Camilleri ha chiuso stamattina le lezioni di cinema del Bif&st in un’ora di aneddoti, rivelazioni e racconti su Sciascia, la mafia e l’Italia di sessant’anni fa. Che poi è la stessa di oggi. Doveva essere Pif (al secolo Pierfrancesco Diliberto) a intervistarlo, se con fosse che il comico/regista siciliano ci ha messo un po’ prima di realizzare che quello accanto a lui fosse proprio Camilleri.

Ci ha pensato Enrico Magrelli a rompere il ghiaccio, “non ho mai visto Pif così emozionato”, scherza.  E’ il rapporto tra lo scrittore e Sciascia il fulcro della chiacchierata, “eravamo amici davvero”, racconta l’inventore di Montalbano, “era impossibile non esserlo, entrambi legati dall’esperienza letteraria di Pirandello, anche lui di Agrigento.

Tuttora Sciascia è importante per me: appena sento le batterie scariche, e alla mia età ne ho pure il diritto, allora prendo un libro di Leonardo e mi ricarico. Ecco, potrei definire Sciascia il mio elettrauto!”.

E via con i ricordi, quando Guttuso lo chiamava Nanà, e insieme andarono a parlare con Berlinguer ai tempi del sequestro Moro (Sciascia ci scriverà anche un libro), e “venne fuori  che qualcuno aveva ipotizzato un connubio tra Kgb e Cia, come riportato dal Corriere della Sera”, notizia che subito fu smentita, “ma come è possibile – ricorda Camilleri – c’era anche Guttuso. Sciascia aveva capito male?”.

Chissà. La storia dell’Italia degli ultimi sessant’anni è fatta di così tanto misteri che non basterebbe la letteratura a svelarli. E la mafia poi. Anche Pif si è cimentato con l’argomento, ha vinto il premio come migliore opera prima al Bif&st con il suo “La mafia uccide solo d’estate”, allora chiede: “Maestro, ma sarà vero che forse è il caso di smetterla con l’associare la Sicilia alla mafia?”. “Finchè la mafia esiste bisogna parlarne, l’unico rischio cinematografico è che alla fine questi  qua risultano pure simpatici”.

Persino l’Unità d’Italia passa sotto lo sguardo camilleriano in questa mattinata di primavera: “Il Gattopardo? Diciamolo, è un libro sopravvalutato”. Su questo l’assist gliel’aveva lanciato Pif, “quella frase famosa, se vuoi che tutto resti così, fa’ che tutto cambi, mi sa tanto che a noi italiani sotto sotto piace”. Ebbene, a quanto pare il libro neanche a Sciascia piaceva. Di certo Sciascia si è risparmiato la tv di oggi.

Dal pubblico chiedono: “Maestro, cosa ne pensa dei reality?”. “Che ne so, non li vedo. Le pare che alla mia età, con una vista ridotta praticamente a nulla, la sprechi così?”. Ovazione.

di Ida Galise

Sabato 12 aprile alle ore 20,00 (porta ore 19,30) all'Auditorium Diocesano Vallisa, in prima esecuzione a Bari per la 72a stagione musicale della Fondazione Piccinni un recital del pianista  Rosario Mastroserio, parlando del quale ogni aggettivo sarebbe riduttivo.

Pianista versatile ed abile improvvisatore , ha cominciato i suoi studi a Foggia con Rinalda Tassinari per poi perfezionarsi con M. Campanella , R. Caporali e M. Frager.

Ha  suonato nei centri più importanti del mondo da Vienna a Parigi, da Mosca a Bruxelles, a Stoccolma, Varsavia, Budapest, Belgrado, Amsterdam, Monaco, Salonicco , Istanbul, Città del Messico, Buenos Aires, Singapore, Dubai…

Molto apprezzato in Nord America, ha tenuto recentemente un recital a Toronto per l’ Istituto Italiano di Cultura, oltre ad aver tenuto concerti a New York , Boston, Filadelfia, Miami, Washington, Ottawa. E’ stato anche  visiting professor al Middlebury College in Vermont ( USA ).

Professore di pianoforte principale al Conservatorio N. Piccinni di Bari, da tempo approfondisce lo studio della musica di Astor Piazzolla di cui è ritenuto tra i migliori interpreti in ambito internazionale .Le  sue performances risultano essere profondamente cariche di tensione musicale e particolare capacità comunicativa; il suo è un linguaggio creativo improntato all’ improvvisazione  non necessariamente in ambito jazzistico .

Il titolo della serata parla da sé TANGO IN JAZZ.

Un ampio esempio di classico e jazz che si incontrano in una “ miscela “ a tratti esplosiva , sui temi del tango argentino e del “ Nuevo Tango “ di Astor , passando attraverso “ finestre aperte “ dell’improvvisazione, del gusto e della creatività più immediata e articolata.

1PARTE

J.de Dios Filiberto  (1885/1964)    CAMINITO

E. Donato  (1897/ 1963)                A MEDIA LUZ

C. Gardel ( 1890/1935)                 EL DIA QUE  ME QUIERAS

R. Mastroserio          CONTRAPPUNTANG O

G. Matos Rodriguez ( 1897/ 1948)  CUMPARSITA

A.Villoldo  ( 1846/1919)            EL CHOCLO

2 PARTE  

Astor Piazzolla ( 1921/1992)            

MILONGA  DE  L’ANGEL

MICHELANGELO 70

MUERTE  DE L’ ANGEL

ADIOS NONINO

MUMUKI

LIBERTANGO

Il botteghino sarà aperto alla stessa Vallisa dalle 18.

Biglietti per la serata: € 15,00 intero, € 10,00 (oltre 65, sotto 25 anni).

Abbonamenti: € 30,00 intero, € 25,00 ridotto (c.s.) -da diritto alle 6 manifestazioni ancora in carlellone.

 

Il vino è da sempre stato parte della cultura gastronomica della nostra regione, invece la birra, bevanda ritenuta meno versatile e più "informale" - pensiamo alla classica Peroni associata ad un gustoso pezzo di focaccia barese, magari mangiato sul Lungomare - sta incontrando il favore del pubblico più esigente solo da pochi anni. Spesso la particolarità, la lunga tradizione, la provenienza delle materie prime erano associate a territori oltre i nostri confini quali la Germania e la Gran Bretagna. Qualcosa è cambiato infatti, dal 2007, anche la Puglia può vantare una propria produzione artigianale. Stiamo parlando del Birrificio Birranova, a Triggianello - piccola frazione di Conversano - e, per l'occasione, abbiamo posto alcune domande a Donato Di Palma, il birraio.

Quando e come è nata l'idea del birrificio?

Sin da ragazzino - avevo appena 13 anni - ho avuto la possibilità di andare a trovare i miei parenti in Inghilterra e lì ho scoperto il mondo delle birre, del quale sono stato sempre un appassionato bevitore, finchè un giorno di 20 anni fa, trovai in una fiera un libro che parlava di come farsi la birra in casa. A partire da quel momento, grazie ai primi collegamenti internet, ho avuto la possibilità di reperire le materie prime ed iniziare il fantastico hobby dell'homebrewing - letteralmente farsi la birra in casa. In questi anni di prove da cultore ho conosciuto diversi professionisti e, quando ho deciso di abbandonare il mio vecchio lavoro, ho contattato uno di loro, ho fatto un po' di formazione fra Treviso e la Germania e abbiamo avviato l'impianto di produzione. Era il novembre del 2007.

Quali prodotti del nostro territorio utilizzate per le Vostre birre?

Abbiamo una buona selezione di birre preparate con materie prime pugliesi: birra Arsa con il nostro grano arso, la  Primatia con il mosto cotto di fichi, la Beva per la quale stiamo sperimentando il grano Senatore Cappelli e la birra Moscata per cui adoperiamo vinacce di moscato passito di Trani.

Oltre al birrifico, gestite anche un pub ed organizzate molti eventi legati al mondo della birra. Avete in programma altre manifestazioni per i prossimi mesi?

Certo, dal 25 al 28 Luglio 2014, a Triggianello, ci sarà Birranova Beer Fest: una festa delle birre artigianali con degustazione di prodotti tipici e concerti.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.birraartigianalepugliese.it o la pagina Facebook birrificiobirranova.

Lo spazio viscerale delle grotte di Castellana è pronto ad accogliere “PassionchrisT - Ritratto di una storia” e a proiettare il pubblico, domenica 13 aprile, in un futuro dominato dal potere e dalla corruzione umana, per condividere tutta l’umanità e la sofferenza degli ultimi giorni di vita di Cristo. Il gruppo musicale pugliese Wanted Chorus fondato nel 1997 dall’ideatore e regista dello spettacoloVincenzo Schettini, attraverso un racconto sia cantato che narrato, condurrà gli spettatori in un viaggio introspettivo nella mente di Gesù e passando attraverso le sue umane debolezze, svelerà la sua essenza più profonda, quella di essere un manifesto di denuncia contro un grande crimine nei confronti dell'umanità: la pena di morte.

“PassionchrisT - Ritratto di una storia” sarà in scena nella caverna della Grave delle Grotte di Castellana (Ba) domenica 13 aprile in due repliche, alle ore 19.00 e alle ore 20.30. E’ una produzione del Wanted Chorus, per la regia di Vincenzo Schettini, con la voce narrante del noto conduttore e volto Rai Savino Zaba, patrocinata dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Bari, dal Comune di Castellana Grotte, dalla Grotte di Castellana srl e sponsorizzata dalla BCC - Cassa Rurale ed Artigiana di Castellana Grotte e da Taverna degli Amici. 

Per assicurarsi la propria partecipazione si consiglia la prenotazione per una delle due repliche telefonando al numero329.8722294 ma sarà possibile comunque acquistare i biglietti, al costo di 15 euro, anche prima dell’inizio dello spettacolo presso la biglietteria delle Grotte di Castellana. E’ consigliabile un abbigliamento caldo e scarpe comode.

Tutte le informazioni sugli spettacoli del Wanted Chorus sono consultabili, inoltre, sulle pagine fan Facebook "Wanted Chorus" e “PassionchrisT” e sul portale www.wantedchorus.com, mentre un assaggio delle performance del coro sono sul canale YouTube“Wanted Chorus”.

In caso di pioggia lo spettacolo sarà ugualmente in scena, solo una parte della caverna della Grave è infatti esposta agli agenti atmosferici e spesso la pioggia contribuisce a rendere ancora più suggestiva la location.

Plus

Blogger

 

Sfogliando...

Vito Vasile
Vladimir Luxuria
Leonardo Palmisano
Leonardo Palmisano

La città del sesso, pp. 218, 15 euro ...

Percorsi

Il Salento di ...
Il Salento di ...

  Il fascino e il mistero sono due ...

Storia della Puglia ...
Storia della Puglia ...

Nonostante si tratti di un itinerario ...

Grotte sommerse, le ...
Grotte sommerse, le ...

La conformazione del territorio ...

Sviluppo

Nuova sede e progetti sulla biodiversità per la ...
La CIA - Confederazione Italiana Agricoltori - di Taranto annuncia il cambiamento di sede della Cia di Massafra e un importante ... More info...

Turismo

Welcome to Monte Sant’Angelo
Il Comune di Monte Sant’Angelo ricerca, attraverso la procedura di bando pubblico, 14 giovani laureati, residenti nel territorio ... More info...

Verde Puglia

Il WWF Bari presenta i Tratturiciclabili
Finalmente arriveranno degli itinerari ciclosostenibili nell'area metropolitana di Bari: domani, Ssabato 12 aprile 2014, alle ore ... More info...

Eventi

Taco, il gelato in tour in Puglia
E' stato il gelato-icona degli anni '90 e ora Winner Taco è ritornato con un tour di 6.500 km premiando i fedelissimi. Coinvolgendo ... More info...

Cultura

Con il Requiem di Mozart si conclude la stagione ...
Ultimo appuntamento con la grande musica della Stagione di Prosa 2013/2014 “Il Teatro è Azione” del Comune di Trani, in ... More info...

Sport

Vela femminile classe 420: una coppia triestina ...
Carlotta Omari e Francesca Russo Cirillo sono le nuove campionesse italiane di vela classe 420. La coppia triestina ha dominato sin ... More info...

Dal Mondo

U Cusetore di Orsara celebrato a Torino
A Torino, nella Sala della Presidenza del Consiglio Comunale, venerdì 4 aprile 2014, è stato presentato "Michele Mescia "U ... More info...

Riferimenti

  • Publimediasud srl, Via Abate Gimma, 163   70121 Bari - Italy
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 080 - 5213360

Partecipiamo a...

“Tutti i membri della società hanno gli stessi diritti umani – che includono diritti civili, culturali, economici, politici e sociali. (…) Tutte le persone con disabilità hanno il diritto di essere libere da discriminazione nel godere dei loro diritti”. Così recita la Convenzione Onu dei diritti delle persone disabili e alla Regione Puglia lo sanno bene tant'è che Lunedì 3 dicembre alle ore 12.00 presso la Sala Stampa della Giunta regionale a Bari (III piano, con entrata da via Dalmazia) in occasione della “Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità”, l’Assessore regionale al Welfare, Elena Gentile terrà una conferenza stampa sul tema “Le politiche attive per la disabilità in Puglia. Interventi, strutture e risultati”.L’incontro con i giornalisti sarà l’occasione per presentare i nuovi progetti regionali per la disabilità, tra cui il Progetto Qualifycare-Sla per accrescere il livello di integrazione della presa in carico domiciliare delle persone affette da SLA, i buoni servizio per sostenere l’accesso ai centri diurni, la sperimentazione dei progetti di vita indipendente. Inoltre sarà presentata la mappa regionale pugliese delle strutture residenziali e semiresidenziali dedicate alle persone disabili che sono state realizzate nel corso degli ultimi anni.La “Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità” come stabilito dal “Programma di azione mondiale per le persone disabili” adottato nel 1982 dall’Assemblea generale dell’ONU, ha lo scopo di promuovere la diffusione dei temi legati alla disabilità per sensibilizzare l’opinione pubblica ai concetti di dignità, diritti e benessere delle persone disabili accrescendo la consapevolezza dei benefici che possono derivare dall’integrazione delle disabilità in ogni aspetto della vita sociale.La Regione Puglia sceglie di onorarla presentando risultati concreti delle attività svolte in questi anni ma anche le nuove iniziative che di certo porteranno un passo avanti il welfare pugliese lungo la strada delle pari opportunità per tutti. Osvaldo Negro 
Per il sedicesimo anno consecutivo sabato 24 novembre, presso una fittissima rete di supermercati, si terrà  la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Questa giornata ha lo scopo di coinvolgere e sensibilizzare la nostra società al problema della povertà chiedendo a ciascuno di donare parte della spesa a chi ne ha bisogno. I volontari che presiederanno i supermercati inviteranno i clienti al gesto, fornendo loro del materiale informativo. Nel 2011: 120.000 volontari hanno donato il loro tempo, permettono la realizzazione di questa giornata. 5.000.000 gli italiani che hanno acquistato cibo per chi non può farlo. oltre 9.000 i punti vendita della gdo che hanno partecipato. 9.600 le tonnellate di cibo donato e raccolto nella Giornata nazionale della Colletta Alimentare  che insieme alle eccedenze che ogni giorno la Rete Banco Alimentare recupera (58.400 tonnellate nel 2011) sono state ridistribuite gratuitamente a: 8.673 strutture caritative che hanno accolto e aiutato 1.700.000 persone in condizioni di bisogno. Ormai giunta alla 16ª edizione, la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare è diventata, dal suo esordio nel 1997, un importante momento che coinvolge e sensibilizza la società civile al problema della povertà attraverso l'invito a un gesto concreto di gratuità e di condivisione: fare la spesa per chi ha bisogno. Durante questa giornata, presso una fittissima rete di supermercati aderenti su tutto il territorio nazionale, ciascuno può donare parte della propria spesa per rispondere al bisogno di quanti vivono nella povertà. E' un grande spettacolo di carità: l'esperienza del dono eccede ogni aspettativa generando una sovrabbondante solidarietà umana.È un grande spettacolo di carità, e per questo chiediamo a tutti i nostri conoscenti ed  amici di recarsi a fare la spesa presso i supermercati  ed ipermercati che avranno affisso la locandina della Colletta Alimentare 2012.
Airc - Un piccolo contributo di ognuno di noi può valere davvero una vita.

Style Setting

Fonts

Layouts( inner pages )

Direction

Template Widths

px  %

px  %