Lunedi la Polizia Locale manifesta a Bari per chiedere la riforma di settore

0

Lunedì prossimo a Bari si terrà la manifestazione nazionale del Sulpl (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale) per chiedere una riforma attesa da oltre 30 anni.

“La riforma della polizia locale italiana – si legge in una nota degli organizzatori – giace in Parlamento da oltre 30 anni. Dopo la raccolta di oltre 600mila firme, per riformularla in modo di adattarla al mutamento dei tempi in cui viviamo”.

E’ indispensabile, infatti, una maggiore tutela dei diritti per gli operatori di Polizia Locale soprattutto per garantire una reale sicurezza di prossimito al nostro Paese.

Il raggruppamento è previsto per le ore 10:30 presso il Castello Normanno-Svevo di Bari, e dopo seguirà un corteo per le strade cittadine ed un incontro con il presidente dell’Anci, nonchè sindaco di Bari Antonio Decaro.

Il Sulpl chiede, all’interno della riforma, il rientro nel contratto di natura pubblica, il riconoscimento della pensione privilegiata per Polizia Locale e Provinciale, l’accesso allo Sdi (segnalazione d’indagine), terminali delle forze di polizia di ordinamento nazionale ed europea, il porto d’arma su tutto il territorio azionale e un nuovo ordinamento con l’istituzione della figura del sottufficiale e dell’albo dei comandanti.

“Lottiamo – dicono – per un contratto di natura pubblico esclusivo, per i festivi infrasettimanali, le domeniche e per avere certezze giuridiche che permettano di garantire sicurezza ai cittadini e che impediscano di utilizzarci come esattori”.

Per consentire il regolare svolgimento della manifestazione sindacale del SULPL, in programma a Bari lunedì 27 novembre, sono state previste con ordinanza le seguenti limitazioni alla circolazione.

  1. dalle ore 05.00 alle ore 14.00 e, comunque, fino al termine della manifestazione, è istituito il “DIVIETO DI SOSTA – ZONA RIMOZIONE” sulle seguenti strade e piazze:
  2. piazza della Libertà;
  3. corso A. De Tullio, lato terra, tratto compreso tra piazza Massari e piazzale Mons. Mincuzzi;
  4. dalle ore 10.30, al passaggio del corteo, è istituito il “DIVIETO DI TRANSITO” sul seguente percorso: giardini Isabella d’Aragona (concentramento), piazza Massari, corso Vittorio Emanuele II, piazza della Libertà.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.