Sammichele, i Carabinieri pedinano ed arrestano uno spacciatore di droga

0

Aveva messo in piedi un vero e proprio mercato della droga al dettaglio, ma è stato scoperto ed arrestato dai Carabinieri. Nel pomeriggio di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di Sammichele di Bari hanno messo a segno una brillante operazione, riuscendo  a recuperare e sottoporre a sequestro, complessivamente, quasi un chilogrammo di marijuana, numerosi dosi di cocaina, 3.400 euro in banconote di piccolo taglio e materiale per il taglio e confezionamento dello stupefacente.

Considerati gli ingenti quantitativi di stupefacenti rinvenuti e la somma di denaro, era sicuramente già da un bel po’ di tempo che il 22enne, caduto nella rete della giustizia, aveva messo in piedi la fiorente attività di spaccio nel piccolo Comune dell’area metropolitana ti Bari.

Per incastrare il giovanissimo spacciatore i militari della locale Stazione hanno dovuto effettuare negli ultimi giorni diversi servizi di osservazione e pedinamento, anche in abiti civili.

Un lavoro certosino che ha, di fatto, consentito ai militari di individuare, oltre alla sua abitazione, anche un immobile ad esclusivo uso del giovane. Quando i militari hanno deciso di farvi irruzione, il ragazzo ha accennato un tentativo di fuga da un’ uscita secondaria, subito dopo aver lanciato due grosse buste in plastica nel cortile ed aver cercato di calpestare e quindi distruggere oltre 50 dosi di cocaina.

Le due buste recuperate dai militari contenevano quasi un chilo di marijuana, mentre le dosi pronte per lo spaccio consistevano del peso di un grammo cadauna per un complessivo di circa 50 grammi.

La successiva perquisizione ha consentito di rinvenire, oltre al materiale vario per il confezionamento, anche un contenitore in plastica con chiusura ermetica contenente un pezzo unico di cocaina del peso di 100 grammi.

La perquisizione è stata estesa anche presso l’ abitazione del giovane dove, oltre a ulteriori dosi di cocaina, sono state trovate banconote di vario taglio, per un totale di 2.900 euro, custodite in una cassaforte metallica. La somma è stata sottoposta a sequestro, unitamente a 500 euro detenuto dall’indagato, tutto ritenuto provento dell’illecita attività.

L’arrestato, considerata la gravità dei fatti, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Bari, mentre la droga nei prossimi giorni verrà analizzata dal Laboratorio sostanze stupefacenti del Comando Provinciale Carabinieri di Bari.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.