RED, ancora disservizi e ritardi. Trevisi (M5S): “Revisionare i meccanismi di accreditamento”

0

“Mentre in Regione dormono sonni tranquilli, dispiace rilevare come numerosi beneficiari del ReD, Reddito di Dignità, non percepiscano in tempi ragionevoli l’erogazione dell’indennità a loro riconosciuta e segnalano ingiustificabili e inaccettabili ritardi.”

Esordisce così il consigliere regionale pentastellato Antonio Trevisi, esprimendo delle considerazioni dure riguardo il meccanismo del ReD, Reddito di Dignità del governo pugliese guidato da Emiliano, che vede coinvolti diversi livelli istituzionali e gestionali: comuni, ambiti, uffici regionali, Inps, servizi postali. Le maggiori difficoltà sembrano riscontrarsi nelle procedure di accreditamento da parte dell’INPS.

“Nonostante siano trascorsi diversi mesi dalla sottoscrizione del cosiddetto “patto di inclusione” con i rispettivi Ambiti territoriali – precisa Trevisi –  in alcuni casi ho potuto constatare disagi con riferimento alle situazioni in cui il ReD viene accorpato alla misura nazionale del SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva)? Dopo numerose telefonate presso gli uffici dell’assessorato regionale al Welfare, si viene a sapere che i pagamenti delle mensilità settembre-ottobre per gli ambiti territoriali della Provincia di Lecce sono stati accreditati da pochissimi giorni e risulteranno sulle carte ReD-SIA presumibilmente il 21 dicembre. È necessario semplificare le procedure,i meccanismi di accreditamento e magari attivare un numero di telefono dedicato all’assistenza dei beneficiari del ReD perchè questa misura non rimanga ancora e soltanto – conclude – un inutile spot del Presidente Emiliano pagato con i soldi di tutti i cittadini pugliesi.”

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.