Politiche 2018. Di Maio a Brindisi: “adesso si decidono i prossimi 10 anni”

0

Continua il botta e risposta al vetriolo tra Berlusconi e Di Maio, che a distanza si lanciano accuse e si promettono battaglie legali.

“Di Maio mi attacca sul Cara di Mineo? Solo una risposta, ho incaricato di occuparsene ai miei legali, ho già dato incarico di denunciarlo”. Lo ha detto Silvio Berlusconi, intervenendo su Radio Capital, dopo le accuse del leader di M5S che ha detto come “il Cara di Mineo lo hanno istituito i leghisti e i forzisti, su cui hanno fatto business gli uomini di Berlusconi”.

E da Brindisi arriva senza troppi giri di parole la risposta di Di Maio.

“Io non solo confermo che Berlusconi è un traditore della patria, ma soprattutto ricordo agli italiani che Berlusconi è uno di quelli che ha firmato i trattati più vergognosi sull’immigrazione, che insieme al centrosinistra oggi hanno creato un fenomeno migratorio fuori controllo in Italia”.

Così il candidato Premier del M5S parlando con i giornalisti a margine della tappa brindisina del “Rally per l’Italia”. Tappa con un focus sulla scuola iniziata questa mattina con la visita all’ITIS Ettore Majorana, dove è nato il progetto del “Book in Progress” che prevede lezioni con strumenti in 3D e il superamento del modello di lezione frontale.

“Finanziare la scuola- ha detto Di Maio – significa assicurare continuità didattica, edilizia scolastica e abolizione delle classi pollaio. Questo si fa adeguando gli stipendi degli insegnanti alla media europea, investendo nell’edilizia scolastica con nuovi fondi non con nuove leggi e mettendo fine alla continua epoca delle riforme che non permettono mai di avviare un lavoro serio e continuativo sia in ambito scolastico che universitario”.

Di Maio, accompagnato dai consiglieri regionali Antonella Laricchia e Gianluca Bozzetti e dai candidati alla Camera dei Deputati e al Senato Nunzio  Angiola, Valentina Palmisano,  Anna Macina e Giovanni Luca Aresta e da Patty L’Abate, environmental economisti, candidata uninominale al Senato, nel Collegio Puglia 4, ha illustrato ai tanti cittadini presenti all’incontro il programma del M5S. “Un programma – ha detto – il cui obiettivo è far percepire  il cambiamento agli italiani. Nei prossimi 24 giorni si decideranno i prossimi 10 anni per l’Italia, adesso tocca agli italiani decidere tra noi che abbiamo un candidato Premier, un programma e che presenteremo la nostra squadra di governo – ha concluso – e gli altri partiti di cui oggi conosciamo le solite vecchie promesse”.

Nessun commento

Commenta l'articolo