E-waste: un mare di rifiuti elettronici, tra sostenibilità e illegalità

0

E-waste, spazzatura elettronica. Quante volte abbiamo ceduto alla tentazione di cambiare il nostro smartphone nonostante funzionasse ancora bene? La stessa cosa sarà successa per il computer portatile, il PC ma anche per il televisore, la lavatrice, il forno. Qual è la sorte di questi rifiuti speciali?

IndietroSuccessiva

1. Rifiuti elettronici. Cosa sono?

I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE, acronimo che sostituisce in Italia la definizione di e-waste o di WEEE – Waste of Electric and Electronic Equipment) sono grandi e piccoli elettrodomestici, smartphone, telefoni cellulari e non, strumenti per l’illuminazione, macchine industriali, giocattoli e apparecchiature per il tempo libero (ad esempio le console per i videogiochi) e ancora dispositivi medici e distributori automatici di cui ci disfiamo in quanto non più funzionanti o per obsolescenza.

IndietroSuccessiva

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.