Castromediano, una comunità straziata ha dato l’ultimo saluto a Cristiano Spedicato

0
sdr

Un dolore immenso. Non ci sono altre parole per descrivere lo sgomento che ha suscitato la morte del giovane motociclista Cristian Spedicato, di soli 23 anni, vittima di un pauroso scontro nella notte di venerdì a Lecce, mentre con la sua moto Suzuki Burgoman percorreva viale Rossini.

Ai funerali, celebrati questa mattina, la chiesa già stracolma di amici, colleghi, conoscenti e concittadini dello sfortunato giovane, non è riuscita a contenere tutti. Almeno un migliaio di persone che per la gran parte sono rimaste fuori, sul piazzale, in attesa dell’uscita della bara. Tutti con le lacrime agli occhi e il fazzoletto in mano. Una straziante partecipazione che ha coinvolto tutti.

All’omelia, il parroco don Antonello Castoro ha avuto parole di speranza e di fede, soprattutto per ristorare il dolore incommensurabile del papà, della mamma e del fratello maggiore.

Il papà, Stefano, di 54 anni, da circa 4 anni è caposquadra presso il Comando dei Vigili del Fuoco di Lecce.

L’unico fratello, di 27 anni, sposato, con un figlio, dedito da anni al mondo della cooperazione e dell’associazionismo volontario, lavora con le ambulanze del 118.

Mentre Cristian, che abitava con la famiglia in via Buonarroti a Castromediano, prestava la sua opera presso una cooperativa di Onoranze funebri di Lecce. Ai funerali infatti hanno partecipato numerosi “colleghi” di Cristian, anche di altre agenzie funebri, tutti con la loro uniforme nera.

Gli amici, visibilmente affranti dal dolore, hanno portato a spalla il feretro, mentre sul piazzale veniva gonfiata una grande mongolfiera bianca, accompagnata dal lancio di centinaia di palloncini che il vento ha trasportato lontano, lontano nel cielo di Castromediano e… molto oltre! Dove ora riposa lo spirito gentile di Cristian. Un angelo che ha lasciato un vuoto incolmabile anche nell’intera comunità.

Condividi
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Rispondi