Questa calda estate ha portato in Salento una nuova ondata di meduse. In particolare nel tratto di costa tra San Foca e Otranto non sono mancati piccoli e grandi esemplari del gelatinoso animale.

Meduse in Puglia. Cosa c'è da sapere e come difendersiLa loro presenza ha turbato non poco i bagnanti ma, in realtà, c’è da dire che non tutte le meduse sono pericolose. Sono quelle tropicali le più pericolose mentre le nostre sono solo urticanti o addirittura innocue. Quindi può essere molto utile saper riconoscerle, premesso che la maggior parte degli esemplari pericolosi vive lontano dalle coste pugliesi.

 

Cosa sono le meduse?

La medusa è un animale planctonico, a forma di polipo rovesciato e di aspetto gelatinoso e con dimensioni variabili.

Attenzione però, sgombriamo il campo da un luogo comune: le meduse non pungono o mordono, come si suol dire di frequente. Non hanno un pungiglione o una bocca famelica.

Nei loro tentacoli, hanno piccoli organi urticanti, le cnidocisti, racchiusi in alcune cellule dette cnidociti che contengono sacche di veleno che rilasciano appoggiandosi sulla pelle e  che può essere più o meno urticante per l’uomo. Quindi è il semplice e spesso casuale contatto tra uomo e medusa che genera prima un forte dolore, la pelle si arrossa e quindi inizia a bruciare.

Cosa fare?

Se avete la sfortuna di incrociare i tentacoli di medusa, sapete cosa fare?

Se siete in acqua, niente movimenti bruschi e scomposti. Mantenete la calma e respirate profondamente. Cerate così di arrivare a riva e di chiedere aiuto;

Lavate la zona colpita per diluire la sostanza urticante con acqua di mare;

Verificare che non vi siano parti di medusa rimaste attaccate alla pelle e, nel caso, eliminarle delicatamente con le mani. Non raschiare assolutamente;

Non grattarti, nè strofinare con sabbia;

Applicare un gel astringente al cloruro d’alluminio, meglio se a una concentrazione del 5%. Serve a lenire il prurito e a bloccare la diffusione delle tossine;

Utilizzare creme al cortisone se la zona è estesa, altrimenti evitare: la loro azione inizia dopo circa 30 minuti e per zone circoscritte potrebbe essere già scemata la reazione urticante;

Niente sole sulla parte colpita. Nella fase di guarigione potreste procurarvi macchie scure. Potrebbe essere molto utile una protezione solare totale (50+);

Chiamare il 118 in caso di complicazioni, come reazione cutanea diffusa, difficoltà respiratorie, sudorazione, pallore, mal di testa, nausea, vomito, vertigini, confusione.

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.