Mafia, sei arresti a Vieste: un colpo della Dda ai clan mafiosi del Gargano

0
Agenti della Dia di Bari

Arresti arrivati al momento giusto per evitare che altri omicidi o fatti di sangue potessero aggiungersi al già troppo lungo elenco del fascicolo della Dda su Vieste.

“Per noi la mafia foggiana è una priorità assoluta”. Lo hanno detto gli inquirenti della Dda di Bari presentando i risultati di due operazioni antimafia che nelle scorse settimane hanno portato al fermo di sei presunti componenti di spicco della criminalità viestana.

Dal 2015 ad oggi a Vieste ci sono stati 14 delitti e “queste carcerazioni – ha detto il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe – hanno probabilmente impedito altri omicidi”.

Il 21 agosto la Polizia ha eseguito il fermo dei cugini Claudio e Giovanni Iannoli, per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga con l’aggravante mafiosa e detenzione di armi.

I due farebbero parte del gruppo criminale capeggiato dal pregiudicato Girolamo Perna, ex luogotenente del boss Angelo Notarangelo, ucciso in un agguato nel 2015. Il gruppo da allora è in guerra con una organizzazione rivale i cui esponenti sono stati fermati in un altro blitz dei CC, il 7 agosto: sono Marco Raduano, suo nipote Liberantonio Azzarone, Luigi Troiano e suo figlio Gianluigi.

IL COMMENTO DI ROSA BARONE

“Accogliamo con un plauso il lavoro svolto dalla magistratura che ha portato all’arresto della cosiddetta cupola della ‘mala viestana’ e decapitato i vertici delle organizzazioni mafiose del Gargano. Si tratta di un territorio che ha bisogno di un controllo serrato e continuo e l’azione sinergica delle istituzioni a tutti i livelli sta portando a risultati importanti. Sappiamo bene che il lavoro da fare è ancora tanto e terremo alta la guardia assieme ai cittadini, ma operazioni come queste sono di fondamentale importanza per dare al territorio foggiano le risposte di cui ha bisogno”.

Questo è stato il commento di Rosa Barone, Presidente della “Commissione regionale di studio e inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata in Puglia”.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.