Anche Bari partecipa alla settimana per la riduzione dei rifiuti

0

Anche Bari partecipa alla Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti, e domani, lunedì 24 novembre,  nella sala giunta di Palazzo di Città, l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli con il direttore della Ripartizione Tutela Ambiente, Sanità e Igiene, Vincenzo  Campanaro, presenterà alla stampa le iniziative in programma a Bari in occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti (SERR2014).

Ad illustrare il programma delle attività Ivan Stomeo, sindaco di Melpignano, Comune fondatore dell’associazione Comuni virtuosi, Vito Micunco, presidente del Banco delle Opere di Carità di Bari e Vito Palumbo, responsabile Unità comunicazione e relazioni esterne di AQP.

L’evento rientra in una campagna di comunicazione ambientale volta alla diffusione di una maggior consapevolezza e sensibilità verso l’uso delle nostre risorse ambientali: scopo vero è ridurre la produzione dei rifiuti, non solo imparare a riciclare tutto e bene. Tema di quest’edizione sarà la lotta contro lo spreco alimentare.

Quest’anno siamo alla sesta edizione dell’evento, settima se consideriamo anche il 2008 che vide partire una prima edizione pilota. Già proposta in Francia, si presentava all’inizio come un momento culturale. Ricorda Paolo Hutter che le prime edizioni vedevano agire sollecitazioni e proposte provenienti dal mondo ambientalista. Non più così oggi dove invece è forte la partecipazione dei cittadini.

Come si declina questa partecipazione? Lo ha spiegato Emanuele Biestro, che come Aica partecipa alla segreteria organizzativa della SERR : “La Serr segue il principio della call to action“, una chiamata all’azione rivolta a tutti, associazioni, imprese, scuole, cittadini che si impegnano ad attuare azioni o buone pratiche per la riduzione dei rifiuti. In tutta Italia sono state proposte 5643. Questo alto numero rivela un successo notevole. Le azioni proposte nel nostro paese sono poco meno della metà di quelle approvate in tutto il territorio aderente alla SERR. Un’estensione che comunque comprende quasi tutti i Paesi Europei.

Questa notevole partecipazione, soprattutto italiana, rivela un’attenzione crescente fra i cittadini per le tematiche ambientali. Non solo, anche le aziende si stanno dimostrando più attente a produrre cercando ad esempio di eliminare e di ridurre le confezioni usa e getta. Una sensibilità che dunque sembra diffondersi a più livelli. Purtroppo entrambi gli ospiti dell’incontro hanno segnalato una discrepanza, un fenomeno degno di attenzione e successivo lavoro: questa maggior attenzione non determina, ad oggi, un abbassamento della quantità dei rifiuti prodotti. Un paio di anni fa, con l’inizio della crisi economica si registrò una diminuzione della quantità di rifiuti prodotta, che quest’anno è però tornata ai livelli precedenti, questo nonostante la crisi economica non sia sicuramente stata superata. Come mai tra crisi ancora in atto e maggior attenzione all’ambiente non si registra una diminuzione nella quantità di rifiuti prodotta? Segno effettivamente della necessità di continuare un lavoro di sensibilizzazione e diffusione di buone pratiche.

 

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo