Anchecinema, la prima app a portata di film

0

Può il cinema essere visto sui dispositivi smartphone e tablet? Nell’era di YouTube e dello streaming selvaggio, sembra quasi impossibile che una fetta di mercato legata al cinema d’autore, possa sbarcare su questi mezzi così “smart”.

Eppure, la sfida di Anchecinema è proprio quella di promuovere i propri prodotti tramite dei cortometraggi della durata di 8 minuti, vendibili al costo di 0,89 centesimi attraverso l’apposita applicazione Anchecinema, prima applicazione ideata in Italia e scaricabile gratuitamente su tutti i dispositivi. L’App, già disponibile sia su Apple che su Google Play, sarà, infatti, funzionale a garantire un canale smart al target più giovane, di fatto più avvezzo e attento ai contenuti promozionali veicolati tramite iPhone/iPad/Android.

Questa iniziativa di distribuzione tende a voler dare dignità e mercato a storie che possano essere distribuite contestualmente in forma letteraria, con il limite di 300 pagine, e cinematografica, attraverso dei cofanetti con la famosa combo “libro+ dvd”. Dopo il primo esperimento del corto “Sposerò Nichi Vendola”, venduto da Feltrinelli in circa 15.000 copie, a partire dal 1 ottobre 2014 iniza la promozione di 1000 copie del cofanetto (libro-DVD) di “Bibliothèque”(contenente il cortometraggio diretto da Alessandro Zizzo con relativo backstage, più 13 racconti inediti) lanciata e supportata dall’ app AncheCinema.

AncheCinema, fondata ad agosto 2013, è l’evoluzione progettuale dell’“Andrea Costantino Produzione Video”, e ha sperimentato la distribuzione di un cortometraggio nelle sale cinematografiche con biglietto autonomo di 3 euro a Bari, Roma, Firenze e Milano, lanciando e gestendo un’iniziativa editoriale innovativa e prestigiosa, grazie alla collaborazione con le librerie LaFeltrinelli e Laterza con notevoli risultati di vendita che fanno ben sperare nel buon cinema Made in Italy.

Condividi
Isabella Battista
Classe 1985, vive e lavora a Bari. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bari, è giornalista pubblicista dal 2013. Con una forte propensione alla didattica museale e artistica, ha collaborato con diverse istituzioni con progetti per sensibilizzare il pubblico più giovane nei confronti dell’Arte contemporanea e far partecipare attivamente gli studenti alla comprensione delle più moderne tecniche artistiche. Collabora con le redazioni di Puglia In, Telebari e Artribune, mentre nel 2013 è stata coordinatrice della prima edizione della Project Room della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a mare. Ama l’arte in tutte le sue forme, in particolare la fotografia e il linguaggio visivo contemporaneo a cui si sta appassionando anche praticamente e appena ha l’occasione di partire, va alla ricerca di nuove realtà, esplorandole sia dal punto di vista della tradizione culturale che folkloristica. isabella.batt@gmail.com

Nessun commento

Commenta l'articolo