Andria, Territori diVini – Un successo inebriante

0

Una calda serata primaverile, è stata la cornice perfetta che ha accompagnato la serata Territori diVini che si è svolta venerdì scorso presso il Chiostro di San Francesco.

L’evento patrocinato dal Comune e promosso dall’Oratorio Centro Giovanile Salesiano e dal VIS (Volontariato Internazionale per lo Sviluppo) è stato un vero è proprio successo, ben oltre le attese degli organizzatori. Ben 300 i biglietti staccati per la serata, andati letteralmente a ruba, che hanno lasciato non pochi a bocca asciutta, non permettendo la location scelta per l’occasione, una partecipazione maggiore.

Durante la serata sono stati ben 33 i vini in degustazione, tutti rigorosamente offerti dalle cantine pugliesi e campane che generosamente hanno aderito all’iniziativa benefica. Tra questi le referenze più richieste nella degustazione sono state le tre etichette Cremisan, il Baladi Rosso, l’Hamdani Jandali Bianco e il Dabouki Bianco.

I vini sono stati serviti e descritti dai Sommelier dell’AIS che hanno sposato con entusiasmo e impegno la serata, anche grazie alla fattiva collaborazione della Delegata locale Marina de Tullio.

Ad accompagnare le eccellenze enologiche diverse degustazione alimentari, dalle “Fave al Chiostro” preparate dallo Chef stellato Pietro Zito, al Tris di Crostini realizzato da Vincenzo Sciannandrone di Sciannè e per concludere in dolcezza diversi dolci prelibati preparati dalla food Blogger Annamaria Ieva, presidente dell’associazione “Le meraviglie di Cicetta” e il classico confetto andriese di Mucci.

A intervenire durante la serata l’Assessore alla cultura l’Avv. Luigi del Giudice che ha lodato e incoraggiato l’iniziativa e il direttore dell’Oratorio Salesiano don Mimmo Sandivasci che ha ringraziato per la grande generosità dimostrata dalla cittadinanza Andriese nell’aderire in maniera così copiosa alla manifestazione.

Ad aderire all’iniziativa anche diversi assessori e consiglieri comunali e giovani del Vis provenienti da Salerno, Portici (NA), Brindisi e Molfetta.

Nessun commento

Commenta l'articolo