Approda a Bari la campagna “Tiroide in prima fila”

0

Oltre il 50% delle persone che soffrono di disturbi alla tiroide sembra non essere consapevole della propria condizione patologica e non riceve una diagnosi corretta e tempestiva. Nel nostro Paese le patologie tiroidee colpiscono 6 milioni di persone, di cui la maggior parte donne.

Con queste premesse, la Fondazione Cesare Serono (FCS) annuncia la campagna di sensibilizzazione “Tiroide in prima fila” per favorire una maggior attenzione alle patologie tiroidee.

La campagna, che si terrà fino al prossimo al 5 novembre prossimi, partirà dal web per approdare nelle sale cinematografiche baresi (circuito UCI). Questa la risposta della Fondazione Cesare Serono alla richiesta delle associazioni di pazienti di rendere disponibili, in rete, riferimenti seri e affidabili per tutti coloro che cercano di conoscere meglio le patologie della tiroide.

Verrà innanzitutto lanciata la nuova sezione divulgativa del sito di FCS specificamente dedicata alla tiroide, nella quale gli utenti potranno compilare un questionario autovalutativo (www.tiroideinprimafila.it): il questionario rappresenta lo strumento cardine della campagna di sensibilizzazione poiché consentirà di verificare e stimolare la consapevolezza dello stato di salute della propria tiroide e, eventualmente, valutare l’opportunità di una visita approfondita.

In occasione della campagna, inoltre, FCS attiverà per la nuova sezione “Tiroide” il servizio “L’Esperto risponde”, già esistente per le altre sezioni del sito web, mediante il quale sarà possibile richiedere gratuitamente il parere di un esperto.

All’interno della sezione Tiroide gli utenti potranno trovare informazioni di base sull’anatomia e la fisiologia della tiroide, sulle malattie, oltre che notizie e aggiornamenti sulle più recenti ricerche a livello mondiale.

“Tiroide in prima fila” proseguirà nelle sale cinematografiche italiane (circuito UCI) e sul web con uno spot di trenta secondi dedicato al riconoscimento dei sintomi e all’importanza della diagnosi precoce nell’ipo- e ipertiroidismo.

“Una persona correttamente informata e attenta ai sintomi che si dovessero manifestare aumenta in maniera esponenziale la possibilità di mantenere la condizione di buona salute o di guarire in caso di malattia. E’ con questo spirito – afferma Gianfranco Conti, Direttore della Fondazione – che abbiamo lanciato la campagna “Tiroide in prima fila”, che si prefigge il raggiungimento di due obiettivi essenziali. Il primo è quello di mettere a disposizione dei suoi utenti informazioni sempre più dettagliate e facilmente fruibili sulle malattie tiroidee e il secondo di stimolare tramite il questionario un’autovalutazione che aiuti a scoprire se c’è la necessità di analisi più approfondite che, ovviamente, solo un medico può gestire. Una diagnosi precoce è sempre la migliore soluzione”.

La campagna “Tiroide in prima fila” è realizzata grazie al contributo incondizionato di Merck Serono S.p.A.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo