Arem, Regione e Coni insieme nel progetto I luoghi dello sport nell’ambiente

0

Una mappatura dei punti di interesse per l’attività motoria all’aria aperta con oltre 2600 tra percorsi pedonali, ciclovie e impianti naturalistici. È il progetto di georeferenziazione “I luoghi dello sport nell’ambiente” realizzato dall’Arem (l’Agenzia regionale per la mobilità), in collaborazione con il Coni, l’Assessorato regionale alla Sport e Pugliapromozione.

Sono state georeferenziate differenti tipologie di percorsi: nell’ambito del progetto “Sport in cammino” sono stati inseriti complessivamente 56 percorsi e sono presenti, inoltre, tredici itinerari all’interno del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

All’interno del progetto “Sentieri di Puglia” che ha messo a sistema la rete escursionistica del territorio sono stati inseriti 2484 percorsi, mentre quattro sono all’interno del Parco naturale regionale delle Dune costiere. Nella cartografia realizzata sono indicate, inoltre, le Ciclovie pugliesi: quella Adriatica attraversa le province pugliesi di Foggia, Bat, Bari, Brindisi, Lecce e comprende un percorso completo nel territorio regionale  di oltre 780 chilometri. La Ciclovia Borboni si divide, invece, nel tratto Bari-Napoli, con 392 chilometri, di cui 107 nel territorio pugliese e nel tratto Bari-Matera (percorso totale di 77 chilometri, 68 in Puglia).

Nell’ambito del progetto “Puglia palestra a cielo aperto” è in corso da parte del Coni un censimento delle strutture dove è possibile praticare discipline sportive all’aria aperta nei centri urbani e nei siti naturalistico-sportivi. Finora sono stati inseriti 54 percorsi  dedicati a vela, canottaggio e nuoto e quattro al ciclismo.

“L’iniziativa – ha detto l’assessore regionale allo Sport, Raffaele Piemontese (nella foto),  nel corso della presentazione che si è tenuta in Fiera – punta a tenere insieme diversi aspetti: la mobilità sostenibile, l’attività motoria, la promozione della salute e lo sport come buona vita”. Il progetto – ha aggiunto – ha a che fare con la promozione del territorio e con il turismo sportivo: siamo convinti che il nostro paesaggio sia un luogo naturale dove poter praticare l’attività sportiva”. “Attraverso questo progetto di georeferenziazione – ha spiegato il Commissario straordinario dell’Arem, Elio Sannicandro – si potranno facilmente individuare percorsi, aree attrezzate e servizi per lo sport all’aria aperta, il tempo libero e la salute e scegliere quelli che più si avvicinano alle esigenze di ogni singolo cittadino”.

Il presidente del Coni Puglia. Angelo Giliberto, ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa che svela una volta in più il trend di crescita positivo e, in generale, l’interesse dei pugliesi verso la pratica sportiva.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo