Noci si veste a festa con Bacco nelle gnostre

0
Locandina di Bacco nelle gnostre

Tra sabato 8 e domenica 9 novembre a Noci si prospettano più di 100 mila visitatori per la quindicesima edizione della sagra più attesa di tutta la Puglia. “Bacco nelle gnostre” stappa oltre 10 mila bottiglie di vino, oltre 200 tra sommelier e operatori della gastronomia impegnati a proporre il binomio più allettante con vino di qualità e cibo della nostra terra.

La gnostra costituisce lo scenario impareggiabile per le manifestazioni enogastonomiche organizzate dal Parco Letterario Formiche di Puglia, che regala agli eventi ricordi di tempi antichi e un’atmosfera incantata. All’ingresso del percorso “La compagnia stabile di Alberobello” allieta i turisti riproducendo le antiche tradizioni, modi di essere e di vivere della civiltà contadina pugliese dalla fine dell’Ottocento fino agli anni cinquanta.

“Perché ogni anno ritorna a Noci in questa occasione?” Lo abbiamo chiesto ad alcuni visitatori:

“Perché mi diverto, mangio bene, ballo la pizzica e trascorro una piacevole serata con i miei amici quasi a chilometro zero.” – Risponde Giovanni, 25 enne, che arriva puntuale con il suo gruppo di amici, ogni anno da Grumo Appula.

“Si respira aria di festa e questo mi piace molto!” – Entusiasta Catia, 28 enne , risponde mentre sorseggia un calice di vino novello e accenna a rincorrere la coinvolgente Street Band “Vagaband” che anima le vie del centro storico.

Quasi impressionate la numerosità delle isole ecologiche e degli addetti per la raccolta differenziata dei rifiuti. Impeccabile l’organizzazione che accoglie gli interessati in Corso Aldo Moro e Via Calvario; passeggiando per “L’Estramurale dei Sapori” si entra nel vivo della manifestazione, che si snoda tra Via Principe Umberto, Via Calvario e Piazza Plebiscito.

La Città dell’Enogastronomia, così, rende omaggio alle specialità pugliesi grazie ai gustosi piatti elaborati dai migliori chef locali. I primi piatti sono gustosi e fumanti, a base di funghi, legumi, ragù e pasta fresca. E per chi ama, invece, stuzzicare, non mancano le varietà di pizza, i panzerotti, le polpette, gli spiedini filanti, le focacce. Numerosissimi sono inoltre, i punti dove degustare il vino. Un successo assicurato, insomma, che neppure la minaccia di maltempo fermerà.

 

 

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo