Dopo la vittoria contro l’Avellino di domenica scorsa, il Bari va a Vercelli per cercare di vincere la prima in trasferta. Sembra ormai un mantra questa frase. Sì perché alla vigilia di ogni trasferta le intenzioni sono sempre le stesse: “Vogliamo vincere in trasferta e cambiare rotta”, come dice Fabio Grosso nella conferenza stampa pre partita. A maggior ragione ora che la vetta della classifica si trova a soli due punti: “Il campionato è equilibrato, ci sono tante squadre forti e ogni partita non ha mai il risultato scontato. Noi vogliamo dare continuità sapendo di dover fare un passo dopo l’altro. Ma adesso credo sia relativo guardare la classifica, non vogliamo vederla e continuare a camminare senza fermarci”.
Ma perché il Bari non riesce ad essere incisivo in trasferta? “Se la nostra squadra non ha ottenuto punti fuori casa non è certo per sfortuna. – spiega Grosso – Dobbiamo essere bravi a interpretare meglio le gare anche fuori. Una squadra che vuole vincere deve essere brava ad accelerare da subito in gara. Non è facile andare a scardinare una difesa che ti aspetta molto bassa ma dobbiamo provare sempre a rimanere attenti per tutto l’arco della gara”.
La Pro Vercelli ha segnato ben dieci gol in due partite e sicuramente vorrà ripetersi anche con i biancorossi: “Non abbiamo mai preso sotto gamba un avversario e sarebbe un errore farlo adesso. Sappiamo che sarà una partita difficile, soprattutto vedendo i risultati roboanti che la Pro Vercelli ha conseguito nelle ultime giornate. Di volta in volta, in base a quelli che penso possano essere gli interpreti giusti, valuterò il modulo da usare”.
Torneranno a disposizione i nazionali impegnati nelle qualificazioni ai mondiali 2018. E si dovrà fare a meno di qualche acciaccato. “Ci siamo divisi in gruppi – dice grosso – e tutti stanno rientrando. Non ci dovrebbero essere problemi se non recuperare le fatiche per chi ha giocato. Basha sta meglio, Busellato ha un piccolo fastidio alla coscia. D’Elia, Tonucci, Sabelli, Berardi, Diakite e Scalera non partono”.

 

Nessun commento

Commenta l'articolo