Bari-Carpi, 0-1. Il Bari lamenta un gol non dato ma la prestazione è deludente

0

Un Bari timoroso e svogliato perde in casa contro la prima della classe. Tra Bari e Carpi termina 0-1. Il gol, di Mbakogu, all’ottavo del secondo tempo a causa di una palla persa a centrocampo da Romizi. Il Bari, per contro, può recriminare per un gol ingiustamente annullato. Il pallone, colpito di testa da Caputo, supera di quasi mezzo metro la linea di porta ma né l’arbitro, né il guardalinee, assegnano il gol. A parte quest’episodio i biancorossi, ancora una volta, non impressionano e sul banco degli imputati di questa giornata si siedono molti giocatori. Stoian totalmente avulso dalla partita, Filippini non pervenuto, Galano fatica ad emergere. Oltre alle costanti di questo girone d’andata: errori tecnici, tattici e lo scarso impegno. La squadra, ormai è chiaro a tutti, non ha buoni interpreti e l’intervento sul mercato invernale sarà d’obbligo. Fino ad allora si dovrà sperare nel lavoro di Nicola e in un pizzico di fortuna.

Primo tempo che si accende a sprazzi. Parte meglio il Carpi con buone occasioni per Porcari e Mbakogu ma la difesa biancorossa e Donnarumma salvano il risultato. Al quarto d’ora esce il Bari che tenta di mantenere il pallino del gioco. Romizi prima e Galano poi tentano di sorprendere Gabriel dalla distanza ma il portiere scuola Milan riesce a smanacciare e a mantenere inviolata la porta emiliana. I più pericolosi del Carpi restano il capitano Porcari che prova più volte a trovare il gran gol senza, però, creare grossi patemi a Donnarumma e Romagnoli smarcatosi davanti alla porta sugli sviluppi di un calcio di punizione. Partita bloccata con le squadre impegnate a studiarsi e a cercare il gol dalla distanza.

Secondo tempo che inizia a favore degli emiliani. All’8’ Romizi perde palla a centrocampo e fa scattare il contropiede veloce del Carpi, Mbakogu entra in area e scavalca Donnarumma uscito in presa bassa. Il Bari tenta di reagire ma fa fatica a farlo. Le occasioni da rete sono poche e mal organizzate. Ci prova Galano su punizione, trovando un gran salto di Gabriel. Al 25’ episodio più che dubbio. Calcio d’angolo di Stoian, Ligi prolunga la palla di testa e Caputo colpisce sicuro verso la porta. Gabriel riesce a respingere ma, come confermano le immagini tv, il portiere emiliano prende la palla quando è già entrata in porta. Palla, quindi, che oltrepassa la linea ma l’arbitro non concede il gol. I biancorossi allora si innervosiscono e non riescono più ad essere pericolosi. In venti minuti di gioco, infatti, non si segnalano occasioni degne di nota. L’unica arriva al secondo minuto di recupero. Stoian effettua un traversone dalla sinistra e trova De Luca solo in area che tenta una spizzata di testa che non preoccupa Gabriel.

Per Castori la vittoria è meritatissima e si rifiuta di commentare la svista dell’arbitro: “Non commento assolutamente gli errori arbitrali. Faccio la valutazione della partita della mia squadra che ha creato più occasioni e ha fatto una prestazione importante”.

Nicola riesce a vedere una buona prestazione nonostante il condizionamento mentale: “Manifestiamo timore quando non servirebbe. Ma ho visto uno spirito più gagliardo, più combattivo. Facciamo ancora degli errori per troppa frenesia. Questo è un campionato che inganna perché continuiamo a dire che il Bari guarda avanti. C’è poco da fare: dobbiamo essere umili, dobbiamo cambiare atteggiamento, dobbiamo correre”

IL TABELLINO

BARI (3-4-1-2) : Donnarumma; Camporese, Contini, Ligi; Sabelli, Romizi (Gomelt dal 9’ st), Donati, Filippini (De Luca dal 34’ st); Wolsky (Stoian dal’11’ st); Galano, Caputo. All.: Nicola

CARPI (4-4-1-1) : Gabriel; Struna, Romagnoli (Sabbione dal 39’), Suagher, Gagliolo; Lollo, Porcari, Pasciuti (Lasagna dal 34’ st), Di Gaudio (Letizia dal 27’ st); Concas, Mbakogu. All.: Castori

Marcatori: Mbakogu (C) all’8’.
Ammoniti: Pasciuti (C) al 12’; Galano (B) al 24’; Romizi (B) al 41’; Sabelli (B) al 46’; Suagher (C) al 18’ st; Stoian (B) al 18’; Donati (B) al 25’ st.

Arbitro: Daniele Minelli di Varese

Espulsi: Sabelli (B) al 36’ st per somma di ammonizioni.

Note: 6.698 spettatori per un incasso totale di 37.329 €. Recuperi: 1’ – 6’

Nessun commento

Commenta l'articolo