Bari, inaugurata la prima Casa dell’Acqua

0

Acqua pubblica, a buon mercato (se gassata) o completamente gratuita (se naturale). Questo il progetto portato avanti e realizzato da Comune ed Aqp per distribuire, partendo da Japigia, acqua ai cittadini baresi ed a chiunque ne faccia richiesta con la massima garanzia di purezza e salubrità ed a prezzi decisamente concorrenziali.

Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha inaugurato questa mattina, alla presenza dell’amministratore unico di AQP Nicola Costantino la prima “Casa dell’Acqua” della città di Bari, in via T. Aquilino a Japigia: un impianto attivato in collaborazione con l’AQP a seguito di un accordo siglato lo scorso 8 agosto con il quale il Comune ha affidato ad AQP l’area per l’installazione, la gestione e la manutenzione dell’impianto che eroga acqua direttamente ai cittadini.

“Con questa iniziativa – ha dichiarato il sindaco Decaro – vogliamo incentivare l’utilizzo dell’acqua pubblica, perché la nostra è la più buona d’Italia, ma soprattutto vogliamo limitare il più possibile lo spreco di plastica, che tra bottiglie ed imballaggi registra numeri sempre più esorbitanti. Questo progetto, sperimentale – ha proseguito – è parte di un programma più ampio di sensibilizzazione che ci porterà, nei prossimi mesi, a redigere insieme all’Acquedotto Pugliese un piano di azione locale per il risparmio delle risorse idriche ed allestire una mostra permanente sul tema dell’acqua, la risorsa più preziosa che abbiamo. Per questo ho chiesto ai parlamentari pugliesi di presentare un emendamento per abrogare l’articolo 25 – comma 4 della legge 448/2001, che obbliga la Regione Puglia a vendere le quote dell’AQP entro il 2018. L’acqua è un bene pubblico e tale deve restare. Ora – ha concluso – confido nella civiltà dei baresi, che possano farne buon uso e soprattutto che possano averne cura come servizio importante per la comunità”.

L’impianto AcquaSelf, messo a disposizione in comodato gratuito dalla Tecnofonte srl di Ruvo di Puglia, distribuisce gratuitamente acqua naturale (a temperatura ambiente e refrigerata), mentre al costo di 5 centesimi al litro è possibile spillare acqua gassata refrigerata. I benefici di tale iniziativa, oltre che essere quantificabili in termini ambientali, consentono ad una famiglia media un notevole risparmio, stimato dai 300 ai 500 euro annui.

La seconda “Casa dell’Acqua” sorgerà nei pressi dello stadio Della Vittoria.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo