Bari, la nuova identità visiva “senza fine” [GALLERY]

0

Una città dai mille volti, dalle molteplici chiavi di lettura: modernità e tradizione, innovazione e conservazione. Questo il concept guida della nuova identità visiva della città di Bari elaborato dall’agenzia Push Studio, risultata vincitrice della gara indetta dall’Amministrazione comunale.

 

Nel marchio, presentato stamane dal Sindaco Antonio Decaro e dall’assessore Silvio Maselli, convivono armoniosamente quattro volti diversi della stessa città, uno per ogni lettera: il patrimonio culturale attraverso il mosaico della Basilica di San Nicola; le onde del mare e la caratteristica siloutte del lungomare; le tradizioni culinarie come le orecchiette e i panzerotti; il ponte strallato simbolo dell’innovazione e delle architetture moderne. Gli elementi legati a questi quattro volti hanno ispirato la progettazione grafica delle singole lettere.

 

E poi e completare il marchio oltre al simbolo c’è il payoff, lo slogan che caratterizzerà non solo il brand ma anche le campagne di comunicazione “Bari never ends” perché la città è caratterizzata da infiniti elementi.

L’identità visiva farà parte del piano strategico per rilanciare l’immagine di Bari all’estero: un nuovo brand e un nuovo modo di presentare Bari a tutto il mondo.

Oltre a caratterizzare l’intera campagna di comunicazione del Comune, il nuovo brand sarà declinato anche su oggettistica come magliette, tazze e sui campanelli delle biciclette.

“Questo progetto vuole raccontare la complessità dell’identità della città di Bari e dei baresi – ha commentato il sindaco -. La nostra è una storia “senza fine” come recita una parte del brand ideato e proposto dall’agenzia che si è aggiudicata la gara. Una storia che ha bisogno di raccontarsi in tutte le sue sfaccettature e che ha l’obiettivo di parlare, non solo ai baresi ma a tutti i visitatori e i turisti potenziali, a chi ancora Bari non la conosce. Il brand è un tassello della più ampia strategia culturale che stiamo portando avanti dall’inizio del mandato per creare un nuovo posizionamento della città sul mercato nazionale e internazionale che passa per il completamento dell’offerta dei contenitori culturali cittadini, la messa in rete del patrimonio artistico della terra di Bari attraverso la Bari guest card e, appunto, il nuovo sistema di identità della città. Da oggi parte un percorso di condivisione rivolto ai cittadini, agli stakeholders e a tutti gli operatori della città che contribuiscono all’offerta culturale e turistica di Bari”.

Nei prossimi giorni sarà comunicato il calendario degli incontri con gli operatori di settore.

Condividi
Fabio Paparella
Giornalista publicista dal 2008. Ha scritto per Cuore Impavido (periodico universitario), Puglia d'oggi e Puglia in che dirige dal 2009. Appassionato di Puglia e innamorato di Bari, dove vive e lavora come funzionario Anci Puglia. Fondatore dell'associazione Scritture digitali. Cerca qualcuno disposto a cambiare insieme lo stato delle cose...

Nessun commento

Commenta l'articolo