Bari-Perugia, i biancorossi steccano la prima in casa

0

La speranza è che sia solo un incidente di percorso dovuto all’emozione di giocare la prima in casa o a schemi e condizione da perfezionare. Il 2 a 0 subito dal Perugia, però, lascia pochi spunti positivi anche perché la partita, per i biancorossi, finisce al 63′ minuto quando i baresi restano in 9 per le espulsioni di Caputo e Defendi. Bari che nel primo tempo, soprattutto, non riesce a trovare le giuste chiavi tattiche, resta bloccato e regala il centrocampo al Perugia. Il secondo tempo sembra regalare più emozioni ma i rossi comminati ai baresi chiudono ogni discorso tattico.

Tenta di tirare su l’ambiente il tecnico Mangia nonostante la sconfitta: “Nel primo tempo abbiamo fatto uno dei migliori primi tempi in assoluto. Ovvio che l’inferiorità numerica poi rende tutto più difficile. Dobbiamo migliorare però sui cartellini, non possiamo permetterci di rimanere sempre in inferiorità. Però voglio dire che quando vanno male le cose vanno male per tutti, non esiste un discorso di singoli. Fino al primo gol del Perugia abbiamo giocato come volevamo e ai ritmi che volevamo, poi ci siamo un po’ allungati, ma non è semplice incidere continuamente per 90 minuti”.

La prossima partita sarà a Frosinone fra sei giorni. E sarà un’altra sfida difficile per Sciaudone e compagni.

La cronaca. Il Bari inizia in modo intraprendente con due tiri di Caputo che però finiscono di molto al lato del palo destro del portiere perugino. Al 23′ guizzo del Perugia. Crescenzi sulla sinistra toglie palla a Galano, crossa al cento per Falcinelli che tenta la grande incoronata parata da Donnarumma. Il vantaggio per gli ospiti arriva al 27′. Galano perde palla al centrocampo, Rabusic ne approfitta e serve con un passaggio filtrante Falcinelli che scarta Donnarumma e segna a porta vuota. I biancorossi sembrano andare nel pallone e 4 minuti dopo combinano un pasticcio. Scambio tra Calderoni e Donnarumma, il terzino barese subisce la pressione dei giocatori Perugini e finisce per servire Rabusic che tira addosso al rientrante Ligi. L’unico tiro del Bari nello specchio è al 36′. Bellissimo il lob offerto da Donati a De Luca che entra in area ma finisce col tirare addosso a Provedel.
Partita nel secondo tempo che sembra iniziare con un piglio più vivace. Dopo soli tre minuti calcio d’angolo del Bari, colpo di testa di Ligi che termina fuori. Sul capovolgimento di fronte grande tiro di Taddei che termina tra le braccia del portiere biancorosso. Al 53′ bella azione personale di capitan Caputo che da sinistra rientra e tenta il tiro a giro. Ottima la risposta di Provedel. Sul conseguente calcio d’angolo Sciaudone, appena entrato al posto di Stoian, fa la barba al palo della porta umbra. Il Bari, al 55′, finisce in dieci uomini per l’espulsione di Caputo per una gomitata su Goldaniga. Di fatto la partita si conclude 8 minuti dopo con le due espulsioni di Caputo, al 55′, e di Marino Defendi, al 63′. L’unica emozione vera, dopo questo momento, arriva al 76′ col raddoppio degli umbri. Del Prete prende palla sulla destra, rientra e lascia partire un bolide che non lascia scampo a Donnarumma.

Il Tabellino
BARI: Donnarumma, Salviato, Rossini, Ligi, Calderoni, Donati, Defendi, Stoian, Galano, De Luca, Caputo.
PERUGIA: Provedel, Goldaniga, Crescenzi, Comotto, Rabusic, Verre, Taddei, Fazzi, Del Prete, Giacomazzi, Falcinelli.

Ammoniti: Verre (P) al 16′; Defendi (B) al 26′; Ligi (B) al 60′
Espulsi: Caputo (B) al 55′ per grave fallo antisportivo; Defendi (B) al 63′ per doppia ammonizione.

Note: 23.463 spettatori per un incasso di 249.234 euro.

Nessun commento

Commenta l'articolo