Bari è pronta per La notte dei ricercatori 2014

0

La Notte Europea dei Ricercatori, evento che da 9 anni porta la scienza ed i ricercatori tra i cittadini, i giovani, gli studenti, oltre alle sedi di Roma e Frascati, quest’anno coinvolgerà altre città tra le quali Bari. Venerdì 26 settembre 2014 questa  iniziativa, che ha riscosso un successo crescente, coinvolgendo migliaia di persone sui grandi temi della ricerca e del futuro, animerà con laboratori ed altre attività divulgative il Fortino di Sant’Antonio Abate.

Quest’anno la Notte sarà dedicata alla “Sostenibilità“, argomento ampio e senza dubbio impegnativo , che coinvolge esigenze sociali, sviluppo economico, questioni ambientali, buon governo, ma anche lo stile di vita di noi tutti ed addirittura il concetto stesso che abbiamo di “domani”.

I Ricercatori italiani sono in prima fila in questa affascinante sfida. Come cittadini e come scienziati sono chiamati a contribuire a costruire gli strumenti che potranno rendere concreto questo futuro, più sostenibile e, quindi, più umano. Sono loro che con innovazioni e creatività, migliorano la vita di tutti noi.

A Bari la manifestazione sarà nelle mani dell’INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, che tra esperimenti di fisica, uno spettacolo interattivo sulla vita e le opere di Galileo, interviste ai ricercatori baresi che lavorano all’estero e una mostra che raccoglie trenta ritratti di ricercatrici italiane, del nord e del sud, che hanno offerto importanti contributi alla sfida straordinaria di LHC – Large Hadron Collider, strumento che alcuni ricorderanno essere legato alla dimostrazione dell’esistenza del Bosone di Higgs – coinvolgeranno grandi e piccini in un viaggio tra i misteri e le bellezze della Scienza.

La Notte Europea dei Ricercatori è un progetto promosso dalla Commissione Europea, coordinato e realizzato da Frascati Scienza in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, Comune di Frascati, ASI – Agenzia Spaziale Italiana, CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche, ENEA – Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile – Frascati e Casaccia, EGO – European Gravitational Observatory – VIRGO, ESA – Agenzia Spaziale Europea -ESRIN, INAF Osservatorio Astronomico di Roma, INAF-Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali e INAF Bologna, INFN Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Ferrara, Frascati, Milano, Pavia, Pisa, Roma e Trieste, con Sapienza Università di Roma e il Dipartimento di Management, Università Tor Vergata e Università Roma Tre, Explora il Museo dei Bambini di Roma, museo della comunicazione di Roma. L’evento vede la partecipazione, in qualità di Partner di Frascati Scienza, di INGV – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Telethon, IRCCS – Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico – San Raffaele Pisana, G.Eco, Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA), Accatagliato, Associazione Arte e Scienza e Istituto Salesiano Villa Sora.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.frascatiscienza.it

 

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo