Bari-Ternana, Devis Mangia: “Le parole stanno a zero. Parlerà il campo”

0

Tornati dal ritiro punitivo di Castel di Sangro, per i biancorossi si prospetta un’altra partita verità. Domani sera il Bari ospita la Ternana di Attilio Tesser e, se non si può definire ultima sponda, poco ci manca. Il Bari naviga in acque poco tranquille, le prime iniziano a scappare e le ultime si avvicinano sempre più. “Ma della classifica non me ne può fregare di meno. Per me conta solo vincere domani. Che sia ultima spiaggia o meno, comunque, non è compito mio dirlo”. Si percepisce la tensione di Devis Mangia, e diversamente non potrebbe essere.

“Dal ritiro ho percepito la voglia di ripartire, di fare meglio e di riscattarsi. Certo lo stare insieme può aver aiutato ma anche se fossimo rimasto a Bari avremmo lavorato ugualmente bene”. Fa riflettere questa frase del tecnico di Cernusco sul Naviglio. Il ritiro allora è servito? Forse si ma non è stato per niente gradito da nessuno. Come, sicuramente, non è stata gradita l’assenza, durante tutta la settimana, del presidente Paparesta. Anche se, ovviamente, la propensione a minimizzare non manca: “In ritiro non è venuto, ma la sua presenza non è mancata. Ci ha telefonato tutti i giorni”.

Devis Mangia questa volta non si espone sulla formazione che adotterà: “A centrocampo resteremo a tre, in difesa abbiamo provato delle soluzioni nuove ma vedremo se sarà il caso di metterle in pratica. Tra i convocati mancheranno certamente Calderoni per infortunio e Rossini per gravi problemi personali che, vanno ben oltre il calcio. Ma mi fermo qui per rispetto e privacy. Sicuramente anche i giocatori verranno informati del loro impiego solo poco prima della partita. Ora le parole stanno a zero. Deve parlare solo il campo, abbiamo fatto una pessima figura a Vercelli dobbiamo cogliere l’occasione per rifarci”.

Nessun commento

Commenta l'articolo