Bari-Trapani, Davide Nicola: “Niente modulo. La partita va interpretata”

0

Interpretare la gara e rispettare i ruoli assegnati. Queste le parole d’ordine del neo tecnico del Bari Davide Nicola: “Non esistono numeri, non esiste un modulo. La partita va interpretata minuto dopo minuto. Da tutti”. Per mister Nicola quella di domani contro il Trapani sarà la prima partita ufficiale in biancorosso. In settimana solo  sei allenamenti, il minimo per iniziare a conoscere i propri giocatori e poco per cambiare troppo rispetto al passato recente. Il lavoro fatto in questi giorni è servito più per indicare la propria idea di gioco, per dare i primi dettami tattici e per entrare in contatto con le personalità dei calciatori baresi.

Una settimana basata quindi sulle idee, psicologia e carica emotiva: “Dai ragazzi mi aspetto il rischio. Se vogliamo vincere dobbiamo rischiare. E per domani voglio solo vedere le poche richieste che ho fatto. Intensità e interpretazione della partita, applicazione di una mentalità. E il rispetto dei ruoli in campo. Ti chiedo questo e questo devi fare. Ma bisogna dare ad ogni giocatore il ruolo che più gli si addice. Poi bisogna capire che una partita si gioca su tutto il campo. C’è una fase per ogni giocata, per ogni zona di campo, per ogni situazione. Non esiste essere chiusi in uno schema predefinito”.

Sul campo ci saranno quattro certezze: “Giocheranno Contini, Romizi, Sciaudone e Galano. In porta? Il ruolo del portiere è particolare, mi fido delle impressioni dei miei collaboratori e sono curioso di vedere le risposte del campo. Sarà una scelta delicata. Sbagliarla significherebbe fare tre passi indietro. Ma in questi ragazzi ho trovato grande voglia di lavorare, ho visto nei loro occhi la scintilla giusta. Perché il problema non è fisico. Atleticamente stanno bene. Avete visto le partite? Corrono tantissimo. Ma devono capire perché corrono: lo fanno perché vanno tutti, e insieme, verso un obiettivo o corrono tanto per correre?

Nessun commento

Commenta l'articolo