Basket, Brindisi sbanca Cantù, 63 – 73

0

Sin dal primo quarto sempre in testa grazie a percetuali importanti nei tiri, soprattutto dalla linea dei 6,75. È stata questa in estrema sintesi la partita dell’Enel Brindisi che per la prima nella storia vince al Pianella di Cantù (63-73 lo score finale). La squadra di coach Bucchi surclassa i lombardi grazie alla precisione dei suoi tiratori marcando con percentuali nette la differenza tra le due squadre (43,5 – 52,5 nei tiri da due, 11,8 – 29,2 nei tiri da tre e 65,4 – 90,9 nei tiri liberi). Fondamentali per i brindisini Delroy James (23 punti con un 5 su 7 da 3 punti e 13 rimbalzi), ma anche la fisicità di Cedric Simmons (14 punti, 11 rimbalzi e 3 stoppate) e l’esplosività di Eston Turner che con 15 punti e un mini parziale di 9-0 che ha spostato in maniera chiara e definitiva la partita a favore di Brindisi.

Cala la tensione agonista nell’ultimo quarto (finito 16-15 per i padroni di casa) con una Enel che tarda un po’ a rientrare in gioco, i primi punti solo dopo 6 minuti, ma non sarà sufficiente a Cantù per rientrare nel macht.

L’Enel raggiunge così in classifica l’Armani Milano con 10 punti in attesa che oggi si giochino tutte le altre partite e si prepara per il doppio macht casalingo, quello di coppa mercoledì contro Spm Shoeters e quello di campionato contro Varese nel weekend dell’Immacolata.

Lo score

Cantù: Johnson-Odom 11, Feldeine 13, Abass 5, Bloise, Laganà, Jones 5, Maspero, Shermadini 13, Hollis 7, Buva 4, Gentile 4, Williams 1. All. Sacripanti
Brindisi: Pullen 9, Harper 3, James 23, Bulleri, Cournooh, De Gennaro, Denmon 4, Simmons 14, Morciano, Zerini, Turner 15, Mays 5. All. Bucchi
Parziali: 13 – 17; 36 – 37; 47 – 58; 63 – 73
Arbitri: Vicino, Ranaudo, Quarta

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo