Berlusconi surreale sul candidato premier: “Il nome? Non lo dico”

0

A volte ci sono delle polemiche che si esauriscono come i cani che girano attorno per mordersi la coda, ovvero si chiudono in un cul de sac senza ritorno.  Avete presente l’uscita di un nuovo telefonino Apple con il susseguirsi delle lamentele sui prezzi esorbitanti? Alla fine vendono milioni di pezzi ed il mercato dà loro ragione.

Così per analogia, potremmo parlare di Berlusconi. È assurdo che il partito candidato ad essere il primo della coalizione di centrodestra e perché no, timoniere del venturo Governo, si trinceri dietro un “no comment” sul nome, sulla figura, del Premier prescelto; Data l’impossibilità del Cavaliere a ricoprire il ruolo.

Abbiamo un simbolo elettorale con Berlusconi sempre più grande ed il logo di Forza Italia sempre più piccino, ed una scritta “Presidente” che ha più una valenza morale e politica, che giuridica. Il minimo che ci si potrebbe aspettare da Arcore, è il linguaggio solito, la chiarezza e la semplicità degli intenti. Quelli che hanno fatto innamorare per vent’anni un pezzo d’Italia nella rivoluzione liberale.

E invece no: “Io sono legato ad un impegno assunto col premier che ho in mente – che poi dirò – il quale, avendo al momento un altissimo impegno, non vuole che il suo nome venga messo nel tritacarne prima di lasciare l’importantissima funzione che svolge per fare il premier del suo Paese”.

Curioso non trovate? L’altissima funzione di quest’uomo (Tajani?) lo inibisce da svolgere campagna elettorale, ancora ad una settimana dal voto. Gli proibisce di assumersi impegni, metterci la faccia, confrontarsi con gli altri leader in campo, sondarlo, misurarlo, tesserne lodi, pregi e difetti.

Insomma, immaginiamo che al Giuramento sulla Costituzione davanti al Capo dello Stato  chiami in anonimo, telefoni via Skype con un cappuccio passamontagna, oppure che si metta una maschera carnevalesca di Berlusconi.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.