Bilancio positivo per Puliamo il Mondo 2014

0

L’edizione di Puliamo il Mondo 2014, versione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo per liberare le strade, le piazze e le aree verdi che compongono le nostre città dai rifiuti e dall’incuria , è riuscita a registrare numeri incoraggianti sul fronte dell’impegno e consapevolezza dei cittadini italiani: più di 600.000 persone, 1.700 comuni e 4.000 località coinvolte nello scorso fine settimana. In particolare, in Puglia, grande è stato il coinvolgimento sull’intero territorio con i suoi più di 5.000 volontari.

A comporre i numeri di questa ventiduesima edizione concorrono anche le tante associazioni e aziende che con il loro contributo hanno preso parte alla campagna di Legambiente. Sparpagliati in 27 comuni, i volontari, insieme a cittadini, studenti, amministratori e dipendenti di aziende, hanno preso parte a diverse attività di pulizia per liberare strade, piazze e aree verdi dai rifiuti abbandonati. Grandissima la partecipazione a Trani, in località Boccadoro-Ariscianne, dove i volontari, fra cittadini, associazioni e detenuti, hanno rimosso rifiuti di ogni genere, fra cui un’enorme quantità di vetro e pneumatici fuori uso.

Non meno fitte le attività e gli eventi in programma nelle altre città pugliesi come ad esempio quello di Foggia, dove sono stati anche organizzati incontri sulla corretta raccolta differenziata e riciclo, ma anche sullo spreco alimentare, altro tema trattato in questa edizione di Puliamo il Mondo. Grande mobilitazione straordinaria delle scuole a Rodi Garganico, in provincia di Foggia, con “RicominciAMO da Ponente”, iniziativa che esprime la voglia di riscatto ambientale dopo l’alluvione che ha colpito il territorio nei primi giorni di settembre. In tutta la Puglia tantissimi cittadini hanno dimostrato la voglia e l’impegno nel voler valorizzare un territorio che troppo spesso diventa la vittima per eccellenza del degrado ambientale.

“Puliamo il mondo – ha commentato Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia ˗ oltre ad essere una giornata di volontariato ambientale, è anche una grande giornata di festa, partecipazione e riflessione. Vista l’emergenza rifiuti in Puglia, legata alla chiusura di alcune discariche, è anche l’occasione utile per lanciare un appello ai sindaci affinché promuovano sul proprio territorio la raccolta differenziata porta a porta, unica via per rottamare lo smaltimento in discarica”.

Nessun commento

Commenta l'articolo