Biologico, da domani il congresso europeo a Bari

0

Domani pomeriggio il ministro Martina inaugurerà a Bari, i lavori dell’VIII Congresso Europeo sul Biologico, in programma presso la sala consiliare della Provincia di Bari a partire dalle ore 14. Il mondo del biologico, dunque, si dà appuntamento a Bari dal 10 al 12 settembre prossimi.

Un’occasione importante per confrontarsi con i decisori politici della Commissione e del Parlamento Europeo e discutere delle opportunità e delle sfide per l’alimentazione e l’agricoltura biologica in Europa.

Interverranno tra gli altri Maurizio Martina, Ministro delle Politiche Agricole e Forestali, Francesco Schittulli, Presidente della Provincia di Bari, Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia, Alina-Stefania Ujupan, Vice Capo Gabinetto del Commissario Europeo per Agricoltura e Sviluppo Rurale (Dacian Cioloş), Christopher Stopes, Presidente di IFOAM EU, Cosimo Lacirignola, Segretario Generale del CIHEAM, Arie Van Den Brand, Presidente del Groupe de Bruges.

Il congresso è organizzato da IFOAM EU (Federazione Internazionale dei Movimenti di Agricoltura Biologica – Europa), Istituto di Bari del CIHEAM (Centro di Alti Studi Agronomici Mediterranei), Presidenza Italiana del Consiglio Europeo, Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, sotto l’alto patrocinio del Parlamento Europeo ed EXPO Milano 2015. I lavori proseguiranno fino al 12 di settembre e si svolgeranno nella sede del CIHEAM di Bari.

Numerosi saranno i temi da affrontare a cominciare dalla nuova PAC e i Programmi Nazionali di Sviluppo Rurale nel 2015. Gli Stati membri e le Regioni daranno inizio ai Programmi di Sviluppo Rurale nell’ambito della nuova Politica Agricola Comunitaria (PAC) nel 2015. Uno degli obiettivi dell’ VIII Congresso Europeo sul Bio è discutere degli impatti sugli agricoltori e sulle comunità rurali in Europa e formulare idee su come utilizzare i nuovi programmi per stimolare una maggiore erogazione di beni pubblici e la creazione di “lavoro verde”.

Si parlerà, quindi, anche delle opportunità del Partenariato Europeo per l’Innovazione rurale e della revisione del Regolamento Europeo sul Biologico.

La Commissione europea ha presentato al Parlamento europeo e al Consiglio degli stati membri una nuova proposta legislativa sul biologico che sarà definita durante i prossimi mesi tramite il processo co-decisionale nel quale la presidenza Italiana del Consiglio giocherà un ruolo fondamentale. Nel settore bio c’è la prospettiva che si verifichino, negli anni a venire, notevoli cambiamenti legislativi. Il Congresso è un’opportunità per gli stakeholder del biologico di rivolgersi ai decisori politici, nonché al pubblico, per cercare soluzioni su come la nuova Regolamentazione può contribuire a rendere l’Europa più bio e guidare l’innovazione nella produzione alimentare sostenibile.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo