A novembre i romeni eleggono il presidente. Seggi anche a Foggia e Bari

0

Il 2 novembre prossimo, in Romania, si vota per le elezioni presidenziali. Italia e Romania seguono la prassi di mettere a disposizione dei cittadini dell’altro Stato, residenti sul proprio territorio, sedi per svolgere le operazioni di voto in occasione di importanti consultazioni elettorali.

Il Consolato di Romania di Catania -competente per il voto dei cittadini rumeni residenti nelle regioni Sicilia, Calabria e Puglia-, a nome del Ministero rumeno degli Affari Esteri, ha inoltrato al Comune di Foggia la richiesta di mettere a disposizione una sede per consentire ai tanti Rumeni residenti nel territorio di Capitanata (sono 1300 nella sola città di Foggia) di votare regolarmente per la scelta del nuovo Presidente della Repubblica.

Il Sindaco di Foggia Franco Landella ha identificato come locale idoneo alla funzione di seggio elettorale uno degli ampi spazi della ex sede circoscrizionale di Viale Candelaro. Il locale sarà messo a disposizione del personale inviato dalla sede diplomatica che ha chiesto anche la disponibilità degli arredi indispensabili (tavoli e cabine elettorali), delle urne e dei necessari strumenti di supporto tecnologico (telefono, fax e fotocopiatrice). Pur non vigendo l’obbligo di fornire questo tipo di ausilio logistico, il Sindaco ha accolto di buon grado le richieste, dando incarico agli uffici comunali di mettere a disposizione gratuitamente tutto il materiale richiesto.

E’ la prima volta che questo tipo di collaborazione internazionale per una consultazione elettorale ha luogo nella città di Foggia.

Sarà lo stesso Consolato di Romania di Catania a comunicare a tutti i cittadini rumeni residenti nelle zone di sua competenza e aventi diritto al voto i centri identificati nelle regioni indicate. Oltre a Foggia, ci saranno seggi a Canicattì, Reggio Calabria, Cosenza e Bari.

Condividi
Roberto Mastrangelo
Coordinatore Redazionale del progetto PugliaIn.net. Socio fondatore dell'Associazione Scritture Digitali, in passato giornalista per il Movimento, Roma, il Patto, il Resto, l'Indipendente, Puglia d'Oggi, Cerca la domanda scomoda da fare nel momento peggiore.

Nessun commento

Commenta l'articolo