Camusso a Taranto: lo Stato si faccia carico della continuità dell’Ilva

0

Una partecipata assemblea dei lavoratori, questa mattina a Taranto, ha visto protagonisti anche due alti dirigenti sindacali, con la partecipazione della segretaria generale della Cigl Susanna Camusso insieme al segretario nazionale della Uil Guglielmo Loy.

Davanti ai cancelli dell’Ilva, intanto, i delegati Fim Cisl Taranto-Brindisi hanno presidiato le portinerie dello stabilimento Ilva di Taranto, incontrando i lavoratori, ad ognuno dei quali è stato consegnato un volantino recante le proposte per un confronto con il governo sulle scelte in atto per il sociale ed il lavoro. “Siamo solo sindacato. Non mendichiamo ascolto dal governo, lo meritiamo. Perché serve andare oltre – recita il volantino – la logica della facile contrapposizione tra chi dice di cambiare tutto e chi non vuole cambiare nulla”.

Al centro delle attenzioni dell’assemblea, inevitabilmente, le parole dette domenica scorsa da Matteo Renzi, su un possibile ingresso del pubblico per lo stabilimento jonico. A tal proposito la Camusso ha dibadito come “la siderurgia è un settore strategico per il nostro paese e questa è un’ottima ragione per prevedere un intervento pubblico”.

Camusso ha spiegato che lo Stato “deve farsi carico della continuità e della qualità produttiva, intendendo sia la continuità del lavoro, sia la continuità dell’intervento ai fini della salute dei lavoratori e della città”. “Vorremmo essere – ha proseguito il leader della Cgil – innanzitutto interlocutori di questo processo, capire di cosa si stia discutendo concretamente e della necessità che l’intervento pubblico sia vero, quindi remuneri anche il Paese e non sia semplicemente un modo per accollarsi le difficoltà per venderla al primo offerente”.

“Abbiamo valutato gli scenari – ha aggiunto – e detto che per noi il punto fondamentale è la garanzia del rapporto lavoro-salute, continuità e qualità della produzione”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo