Canosa, speleologo soccorso in grotta

0

Avrebbe potuto avere ben più spiacevoli conseguenze che una frattura alla spalla l’esplorazione di una piccola grotta non ancora censita di un gruppo di speleologi del Gruppo Speleologico Vespertilio. Nella murgetta tra Canosa di Puglia e Minervino Murge, infatti, sei esperti speleologi baresi stavano compiendo alcuni rilievi all’interno di una grotta carsica.

Per cause ancora da chiarire, però, non appena i sei si sono infilati nel cunicolo un costone della volta si è staccato ed è crollato addosso a Francesco Narsico, 42enne di Casamassima. I cinque colleghi, una volta in salvo, hanno provato a disincagliare il ferito, senza riuscirci, ed hanno chiamato il 118. Sul luogo sono intevenuti gli uomini del Soccorso alpino Cnsas, insieme ai Carabinieri di Minervino e Canosa ed agli uomini della Guardia Forestale.

Narsico dunque è stato liberato con il supporto di un verricello ed è stato estratto dalla grotta. Trasportato alla Casa sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo da un elicottero della Forestale è stato ricoverato per gli accertamenti del caso, ma ha riportato un trauma ed una frattura alla spalla che guarirà in poche settimane.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo