Capodanno a Bari: ecco il bando

0
fuochi d'artificio

Manca poco più di un mese alla fine dell’anno e il Comune di Bari è già in movimento per l’allestimento del programma di Natale e Capodanno.

Il tutto con un regolare bando di gara, attivo fino al 27 novembre, attraverso il quale l’amministrazione comunale cerca un soggetto organizzatore unico cui affidare la realizzazione degli eventi previsti il 30 e il 31 dicembre 2014 e il 1° gennaio 2015 per festeggiare il nuovo anno.

«Con la pubblicazione del bando di capodanno siamo nei tempi per consentire agli organizzatori di individuare artisti e nomi di richiamo da portare a Bari per aprire in bellezza il nuovo anno. Spero che l’idea di lanciare un pacchetto turistico e culturale di qualità unitario per i tre giorni di capodanno colga nel segno, grazie anche alla collaborazione con tutti gli operatori del terziario cui faccio appello perché aiutino l’amministrazione comunale a completare l’offerta culturale e di spettacolo dal vivo tramite eventuali sponsorizzazioni. Una città viva, creativa, culturalmente fertile ed ospitale è la precondizione che favorisce lo sviluppo dei propri concittadini e dell’economia urbana», ha commentato l’assessore Silvio Maselli a proposito dell’avviso.

Il bando, dell’importo complessivo di 100mila euro (iva esclusa), intende raccogliere le candidature dei soggetti organizzatori di pubblico spettacolo che, singolarmente o in ATI (Associazioni Temporanee d’Imprese), abbiano i requisiti richiesti per curare il programma culturale e artistico del prossimo capodanno.

A tal proposito si richiede l’allestimento di un palco in piazza Libertà (ex Prefettura) che la sera del 30 dicembre potrebbe ospitare il concerto di una band internazionale di musica contemporanea (anche elettronica), la cui esibizione verrà poi effettivamente opzionata dall’amministrazione nel caso in cui si individuino sponsor privati disponibili a farsene carico.

Sempre il 30 dicembre, in pazza Mercantile, dovrà essere allestito un coking show, o in alternativa un talent show, che metta comunque al centro la cultura enogastronomica barese e la sua evoluzione nel tempo.

Mercoledì 31 dicembre, sul palco di piazza Libertà, si terrà il concerto di un artista di calibro nazionale, che vedrà in apertura l’esibizione di due gruppi musicali locali.

Sempre la sera del 31, nell’auditorium la Vallisa, e almeno in un’altra chiesa di Bari Vecchia, dovranno tenersi concerti di musica jazz e/o dj set di musica contemporanea internazionale.

Il 1° gennaio si aprirà all’insegna della spiritualità e del dialogo interreligioso con una cerimonia liturgica ecumenica che vedrà nel Teatro Margherita la preghiera congiunta delle tre religioni monoteiste. A seguire è prevista l’esibizione di un quartetto d’archi, o un evento musicale analogo.

Infine, a metà mattina del 1° gennaio, nel Teatro Petruzzelli, si svolgerà un concerto straussiano con due pianisti o altro ensemble di qualità. L’ingresso in sala sarà consentito a quanti porteranno con sé un telecomando tv.

Il termine ultimo per la presentazione delle proposte artistiche è il 27 novembre 2014.

Tutti gli eventi, gratuiti, dovranno essere accessibili anche per i cittadini diversamente abili. Nei pressi dei luoghi individuati per gli eventi il soggetto organizzatore dovrà allestire un congruo numero di servizi igienici chimici e predisporre appostiti contenitori per la raccolta differenziata,

Il soggetto organizzatore dovrà inoltre individuare, a proprie spese, un ente certificatore della quantità di CO2 prodotta nel corso degli eventi e provvedere, entro il 6 gennaio 2015, a piantare un adeguato numero di alberi a compensazione presso l’area che sarà individuata a tal fine dall’amministrazione comunale.

Il programma degli eventi di capodanno sarà inserito nel programma unico degli eventi natalizi e comunicato unitariamente a quest’ultimo (attualmente in gara).

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo