Cardone fiduciosa per il 2015: “Non molleremo fino alla fine”

0

La Pink archivia il 2014 con la sconfitta di Tavagnacco. Alle porte c’è un 2015 in cui Isabella Cardone promette che la sua squadra venderà cara la pelle: “Si riparte da una Pink decisa a non mollare fino alla fine, è la mia promessa per il 2015”, commenta il tecnico delle biancorosse al termine della gara in Friuli.

La partita. La terza autorete stagionale e la capacità di stringere i denti su un campo ostico come quello di Tavagnacco sono rispettivamente il bicchiere mezzo vuoto e mezzo pieno da cui ripartire. “Speravo che Kaja Jerina ci lasciasse con una prestazione importante – spiega Cardone, annunciando di fatto il ritorno a casa della giocatrice – ma ancora una volta una sua disattenzione ci è costata cara. Il possesso del Tavagnacco non si era ancora concretizzato in occasioni importanti. L’autogol, il terzo in stagion, è forse un primato!”.

Note positive, la capacità di soffrire e reggere bene l’impatto della squadra di casa e la determinazione con cui le undici in campo hanno comunque provato a giocare a calcio, senza barricate e ostruzionismi: “Abbiamo cercato di rimanere in partita e solo alla mezz’ora del s.t, nonostante un’ottima Di Bari, abbiamo subito il raddoppio. Le nostre ripartenze su un campo pesante non sono state incisive – ammette –  ma più di una volta abbiamo cercato di ripartire palla ai piedi“.

Il 2014 è stato per la Pink Bari un anno straordinario, con la storica promozione in serie A. “Con l’augurio – si auspica il tecnico – che l’anno prossimo ci riservi un altra impresa vincente!”. Intanto, la Pink si sta già muovendo sul mercato: torna a casa la slovena Kaja Jerina, arrivano l’attaccante scozzese Lana Clelland e la centrocampista Laura Libutti.

 

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo