Case popolari: scatta la sanatoria per gli occupanti abusivi di alloggi Erp

0

Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato all’unanimità le modifiche alla legge regionale che disciplina l’assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di Edilizia residenziale pubblica (Erp). Viene reintrodotta la procedura autorizzativa  per l’utilizzo della riserva del 25% degli alloggi per la emergenza abitativa, al fine di garantire alla Regione il controllo sui casi di deroga all’obbligo di assegnazione secondo l’ordine in  graduatoria.

Per rendere esecutiva la regolarizzazione delle occupazioni abusive, si stabilisce che possa avvenire per chi abbia maturato almeno tre anni di occupazione abusiva “alla” data di entrata in vigore della legge. Viene inoltre chiarita la procedura da applicare nel rispetto del riparto di competenze tra il Comune che assegna gli alloggi, e l’Ente gestore (ARCA), che si limita a gestire la locazione. Eliminati i riferimenti alle modalità di recupero della morosità degli assegnatari nei confronti delle autogestioni, che sollevano dubbi di incostituzionalità.

Viene infine assicurata alla provincia di BAT la presenza di un Ente gestore, con l’istituzione di un ufficio operativo distaccato.

“Esprimo viva soddisfazione per le modifiche alla legge regionale che disciplina l’assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi ERP”. Così ha commentato il consigliere regionale Giuseppe Cristella (Forza Italia).

“Le famiglie che hanno occupato abusivamente alloggi di edilizia pubblica residenziale avranno la possibilità di sanare la loro posizione abitativa se dimostreranno di aver maturato almeno tre anni di occupazione abusiva alla data di entrata in vigore della legge. Oggi in Consiglio con l’approvazione all’unanimità di dette modifiche, è stato compiuto un passo avanti verso la reale integrazione abitativa di numerose famiglie che da tempo attendevano le procedure di regolarizzazione”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo