La bellezza di castelli e masserie di Puglia in tasca

Si chiama “Puglia in tasca” la collana di volumi tascabili pubblicata da Adda Editore per presentare, a 360 gradi, il Tacco d’Italia. Ogni volume che compone la raccolta è dedicato ad una località o ad uno specifico tema. La Puglia, divenuta negli ultimi anni una delle destinazioni preferite dai flussi turistici, tanto nazionali quanto internazionali, annovera sul territorio, tra le altre peculiarità, numerosi castelli e masserie di indubbio fascino.

0

Si chiama “Puglia in tasca” la collana di volumi tascabili pubblicata da Adda Editore per presentare, a 360 gradi, il Tacco d’Italia. Ogni volume che compone la raccolta è dedicato ad una località o ad uno specifico tema. La Puglia, divenuta negli ultimi anni una delle destinazioni preferite dai flussi turistici, tanto nazionali quanto internazionali, annovera sul territorio, tra le altre peculiarità, numerosi castelli e masserie di indubbio fascino. Attrazioni tutte da riscoprire e valorizzare.

Nel volume numero nove “Puglia – I castelli”, Stefania Mola conduce il lettore all’interno delle splendide fortezze che impreziosiscono la terra di Puglia. Accompagnato dalle suggestive foto di Nicola Amato e di Sergio Leonardi, il testo è ricco di curiosità, aneddoti, informazioni. Lo studio condotto dall’autrice del testo è suddiviso in base alle diverse zone geografiche. E così, la trama del libro propone, da nord a sud, i castelli ubicati nella Capitanata, nella Terra di Bari, nel Salento. Il testo dedica ampio spazio anche ad altri aspetti legati ai territori indagati, relativi all’arte, alla cultura, alle tradizioni.

Nel volume della collana numero 21 sono, invece, le masserie le assolute protagoniste del racconto. Vito Bianchi, con le foto sempre firmate da Amato e Leonardi, propone un’attenta e dettagliata ricerca sulla particolare tipologia costruttiva, presente in maniera massiccia in Puglia, che sempre più attira l’attenzione dei viaggiatori. Partendo dai cenni storici, tra antichità, Medioevo ed età moderna, l’autore presenta i più noti siti in cui è possibile ammirare e scoprire le masserie pugliesi. Si parte dalla Capitanata, si passa per la Terra di Bari, si giunge in Terra d’Otranto. Un appassionante viaggio che consente di addentrarsi nella storia, nella memoria, nelle suggestioni di una regione dall’immenso patrimonio, tanto paesaggistico quanto culturale.

Nessun commento

Commenta l'articolo