Commissione Criminalità, iniziate le audizioni sul Testo unico Legalità

0

Sono iniziate in Commissione di studio e di inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata in Puglia le audizioni di associazioni e stakeholders, convocate per completare la redazione del Testo Unico della Regione Puglia su legalità e antimafia sociale.

Ad essere auditi nella seduta di ieri l’avvocatessa Angela Maralfa, Coordinatore regionale FAI Puglia (Federazione Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane), Giuseppe Cavaliere Presidente della Fondazione Buon Samaritano di Foggia e Paolo Vitti della Consulta Nazionale Antiusura Giovanni Paolo II Onlus.

“Prevenzione e informazione – dichiara la presidente della Commissione Rosa Barone – sono gli aspetti su cui si sono maggiormente soffermati gli auditi. È emersa la necessità di far conoscere quali siano i benefici della denuncia e pubblicizzare le attività delle associazioni antiracket e antiusura. Molto spesso – continua – chi non denuncia continua a subire per paura di ritorsioni; per questo è necessario prevedere un fondo apposito per campagne di prevenzione e informazione finalizzati a diffondere e illustrare i risultati raggiunti finora grazie alle importantissime denunce delle vittime. Accogliamo anche l’invito rivolto dalle associazioni di prevedere nel Testo un Fondo regionale di Garanzia che si aggiunga a quello nazionale antiusura, la cui dotazione negli anni è stata purtroppo notevolmente ridotta”.

Dalle audizioni è emerso che in Puglia le estorsioni sono legate prettamente alle organizzazioni criminali, strutture organizzate che per questo riescono ad avere forza prevaricatrice. La Provincia maggiormente vessata dal racket è quella foggiana, in particolare il comune di Vieste, dove quasi tutte le realtà che hanno a che fare con il turismo hanno ricevuto richieste dai clan. Purtroppo qui il tessuto sociale è fortemente intimorito e nella maggior parte dei casi le vittime di estorsioni non denunciano.
“È importante prevedere campagne di educazione alla legalità – incalza Barone – che coinvolgano i ragazzi, perché è da loro che può nascere il cambiamento. Non lasceremo soli i cittadini che devono sentire forte e radicata sul territorio la presenza delle istituzioni. Per questo abbiamo in programma qui, come nel resto della regione una serie d’iniziative di sensibilizzazione”.

Per quanto riguarda l’usura, la causa principale è il sovraindebitamento che spinge le vittime a rivolgersi alla criminalità: “Nel testo che stiamo elaborando – continua la Presidente Barone- ci è stato chiesto di prevedere un richiamo importante alla responsabilità, ovvero indicare al cittadino cosa può fare in prima persona. L’obiettivo è costruire un testo che sia realmente fruibile dai destinatari; per questo convocheremo a breve in audizione i rappresentanti delle Prefetture Pugliesi per comprendere quale e in che termini una nuova legge per il contrasto all’usura potrebbe contribuire a facilitare il loro lavoro”

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.