Consorzi di Bonifica, maxi-emendamento dal Governo. Casili: “Nessuna modifica migliorativa”

0

Si sono conclusi, in realtà in un batter d’occhio i lavori della IV Commissione consiliare convocati per oggi sull’esame della legge di riforma dei Consorzi di Bonifica riguardanti il miglioramento dell’attività e l’analisi sulla situazione debitoria perché, a sorpresa, è stato presentato un maxi-emendamento sul testo di legge che ha rimandato a giovedì la prossima consultazione.

“’Il Governo, come al solito, lavora in modo del tutto autonomo senza ascoltare le opposizioni per migliorare il testo di legge – tuona il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Cristian Casili -: in sostanza questo maxi-emendamento non aggiunge niente di nuovo a quello che già sapevamo, ma sancisce la volontà di lavorare in emergenza e in modo autarchico su un testo di legge che andava migliorato”.

In pratica tutto il lavoro svolto finora, fanno rilevare i consiglieri pentastellati, va a farsi benedire visto che questo nuovo testo di legge si sostituisce al precedente, ma senza in pratica aggiungere nulla di nuovo: il Governo licenzia una norma che ha ben poco a che fare con una riforma migliorativa integrale dei Consorzi, ma punta ad accorpare la parte più redditizia, quella irrigua, in capo all’Acquedotto pugliese.
“La verità – rileva ancora Casili – è che in questo maxi-emendamento si acuisce ancor più il rischio di scivolare verso una gestione privata dell’acqua che da sempre abbiamo combattuto; in più c’è poca riforma intesa come salvaguardia del personale a tempo determinato (gli Otd, operai acquaioli e di bonifica). L’Amministrazione lavora in emergenza, noi lavoriamo su un testo sul quale l’ufficio legislativo si è espresso in ordine alla sua costituzionalità, tutto questo significa aver disperso tempo in mesi di Commissione”.

Il maxi-emendamento è, secondo il vicepresidente della Commissione Ambiente, sotto certi punti di vista anche peggiorativo perché sancisce la cessazione delle funzioni di irrigazione rurale in capo ai Consorzi a partire dal 1 dicembre 2018 per passare sotto la gestione dell’Acquedotto pugliese facendo perdere di fatto la polifunzionalità dei Consorzi di bonifica.

“In tutto questo – conclude Casili – la politica dà dimostrazione di noncuranza dei territori, dei problemi e delle riforme dei singoli Consorzi e va avanti in modo del tutto autoritario, presentando una legge che schiaccia qualunque contributo finora apportato per tentare di migliorare”.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.