Cultura e Poesia a Poggio Imperiale con i vincitori del Concorso “Storie di carta”

0

Nel salone adiacente la scuola elementare De Amicis di Poggio Imperiale, si è svolta la cerimonia di premiazione della 6ª edizione del Concorso Letterario Internazionale “Emozioni in bianco e nero –Fiabe, Poesie, Racconti… Storie di carta”

La serata è stata ricca di ospiti, corona ideale per la finale del Concorso. Numeroso il pubblico presente che con lunghi applausi ha mostrato il suo gradimento.

Ha condotto magistralmente Peppino TozziGiucar Marcone che per l’occasione è stato presidente della giuria, in sostituzione del poeta e critico d’arte Michele Urrasio, nel suo intervento ha ringraziato i poeti e scrittori presenti alla serata, provenienti da ogni parte d’Italia. Un grazie di cuore anche agli ospiti, tra questi il primo cittadino Alfonso D’Aloiso che ha sottolineato l’importanza della cultura nella comunità “terranovese”, promettendo il suo impegno per ogni iniziativa di tal genere. Un plauso al poeta Giovanni De Girolamo, voce declamante di rara efficacia, dallo scorso anno parte integrante e insostituibile dello staff della manifestazione. Nel suo intervento Giucar Marcone ha ricordato commosso il docente universitario Giuseppe De Matteis, da poco scomparso, presidente di giuria di una delle prime edizioni.

La giuria, il cui lavoro è stato ritenuto altamente competente, era composta dalla docente universitaria Maria Rosaria Matrella e dalle docenti Antonia Frazzano e Antonietta Zangardi, presidente, come abbiamo già scritto, il giornalista-scrittore Giucar Marcone.

Circa tremila i testi pervenuti alla segreteria del Premio nei vari settori al concorso. Fra i partecipanti le opere di tanti stranieri (Albania, Ucraina, California, Finlandia, Ecc.).

Tre le sezioni del premio: racconti, fiabe e favole, poesie; inoltre un angolo è stato riservato agli studenti che hanno partecipato con testi di rara efficacia come la poesia “Il sud e la sua gente” della giovanissima Stanca Fara (Matino-Lecce), la favola “Il coraggio di Golia”, autori i ragazzi della V C dell’istituto comprensivo statale “Don Milani” di Prato e il racconto “Il confine di vetro tra sogno e realtà” di Chiara Merotto (Pedavena – Biella), “Cocci di sogni spezzati” delle bravissime Bridget Mario e Valentina Buonarrivo di Pomezia (RM), un riconoscimento particolare e speciale per il lavoro dei ragazzi della scuola“Caduti di Cefalonia” di Torino, guidati dall’insegnante Richard Angela per il Progetto“Provaci ancora Sam” ed infine un plauso al lavoro dei ragazzi della quinta C dell’istituto Don Milani di Prato ad opera dell’insegnante Paola Purpura, per la favola interamente illustrata dal titolo “Il coraggio di Golia”.

Nel presentare i vincitori della sezione fiabe e favole, la professoressa Antonia Frazzano ha affermato: Le fiabe e le favole raffigurano un insostituibile patrimonio di cultura, non solo per l’infanzia, ma rilevante anche per noi, sopraffatti in questa nostra era super-tecnologica che ha emarginato in nome del progresso e del profitto valori  unici come quello fondamentale dell’amore per la famiglia”.

Al primo posto si è classificata Micole Imperiale di Napoli con la favola “L’uomo che ascoltava gli alberi”, seguita da Laura Sabatelli di Lecce con “La casa del cuore” e Carmelo Loddo  di Reggio Calabria  con “La figlia dei fiori”.

Nella sezioni racconti ha trionfato “Ambra e il pianista” di Concetta Pinelli (Poggio Imperiale – Foggia). Ai posti d’onore si sono classificati Francesca Faramondi (Roma) con il racconto “La verità” e Francesca Aliperta (Roma) con “Abe e un altro”.

Nella sezione poesia è risultato primo Stefano Caranti (S.M. Maddalena – Rovigo) con “Come vorrei”, al secondo Veruska Vertuani (Aprilia – Latina) con “Ogni tramonto che resta”, al terzo Novella Capoluongo Pinto (Rivello – Potenza) con “E continua a girare”.

Nel corso della manifestazione sono state declamate le poesie “Inconscio” di Maria Matilde D’Imperio, “Litigare” dell’attriceValentina Celentano, che ha avuto la segnalazione della casa editrice e ancora “Il pianto” di Giovanni De Girolamo, componente del comitato d’onore, che nelle sue letture, vive dapprima dentro di sé le sensazioni, le emozioni di ogni autore per poi esternarle a noi tutti con la sua impareggiabile bravura e sensibilità.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo