Dalle grotte di Castellana riecheggia Domenico Modugno

0

Le grotte di Castellana sono il cuore della Puglia. La voragine della Grave, cavità che dalla superficie dà accesso al regno di stalattiti e stalagmiti, è l’ugola che collega l’impervio e suggestivo ventre sotterraneo al cielo pugliese, quel blu dipinto di blu che è un unisono col mare che bacia la costa.

Forse è per questo che il palcoscenico allestito nella Grave sabato 27 dicembre, in occasione della rassegna Natale nelle Grotte organizzato dall’ente gestore delle spettacolari cavità sotterranee, rappresenta alla perfezione la storia di Domenico Modugno. I Radicanto, la voce di Nabil dei Radiodervish e The Next String Quartet hanno fatto il resto, raccontando la storia del poliedrico artista pugliese – cantante, musicista, compositore, attore – attraverso le sue immagini più riuscite.

Le canzoni di Domenico Modugno hanno riscaldato la serata, assieme ai plaid gentilmente concessi dall’organizzazione per affrontare la gelida temperatura. La scaletta alterna pezzi leggeri e solari – come La donna riccia – solenni inni alla rivolta – Malarazza – sino a toccare il Modugno più intimo – La lontananza, Resta cu’mmeTu si ‘na cosa grande – e innamorato della vita – Vecchio frack, Meraviglioso.

La chiusura più ovvia non poteva che essere Nel blu dipinto di blu, brano che a reso celebre in tutto il mondo tanto Modugno quanto la musica italiana tout court . E mentre artisti in scena e pubblico trasformavano le loro voci in un unico coro, le parole della canzone più folle che un artista potesse presentare ad un Festival di Sanremo di fine anni ’50 si libravano in aria, varcavano il confine fra le grotte ed il mondo esterno e, aiutate dal vento, spiravano lontane, verso il cielo, a salutare Domenico Modugno. “Volare oh oh, cantare oh oh”.

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo