Danni ai vigneti: la Regione chiede lo stato di calamità

0

Le condizioni metereologiche sfavorevoli avevano già messo in ginocchio gli agricoltori pugliesi nei mesi scorsi ma, prendendo in considerazione questa nuova ondata di maltempo, nell’ambito del Consiglio Regionale della Puglia, è stato richiesto lo stato di calamità.

Luigi Mazzei, consigliere regionale del PdL – FI, ha espresso la propria preoccupazione per l’attuale situazione: “È quanto mai necessario alla luce dei fenomeni atmosferici avversi che si sono abbattuti in questi giorni anche nel Salento e che purtroppo sembrano essere destinati a ripetersi, che la Regione chieda immediatamente lo stato di calamità. Sul nostro territorio insistono produzioni d’eccellenza che devono fare i conti con i rischi del maltempo. Quando la grandine si abbatte sui grappoli d’uva dai quali vengono estratti i pregiatissimi vini salentini si crea un danno enorme non soltanto ai viticoltori ma all’intero indotto che ruota intorno alla promozione dei prodotti cardine dell’export locale. È evidente che sia necessario operarsi per sostenere gli imprenditori in una battaglia che non li faccia sentire soli. Vanno reperite le risorse affinché si dia ristoro all’intero comparto vitivinicolo alla luce di quanto i produttori e le associazioni di categoria stanno dichiarando agli organi di informazione, denunciando i gravi danni subiti a causa dei temporali che hanno, in alcuni casi, compromesso il raccolto.

Mazzei ha anche ricordato l’emergenza Xylella fastidiosa che ha causato ingenti danni ad olivocoltori e vivaisti.

Il consigliere ha concluso spiegando che “con la richiesta dello stato di calamità siamo certi che non solo la Regione ma anche il Governo nazionale si faranno carico di una mobilitazione finalizzata al recupero delle risorse necessarie per dare respiro ai produttori di vino che in questi anni, con la loro imprenditoria di qualità, hanno regalato al Salento e alla Puglia fama e conoscenza internazionale”.

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo