Decaro, inaugura la strada provinciale tra Acquaviva e l’ospedale “Miulli”

0

Dopo la conclusione dei lavori, protrattisi per diversi mesi rispetto al preventivato, e disagi che soprattutto lo scorso anno hanno portato gli utenti dell’ospedale Miulli provenienti da Acquaviva ad una lunga deviazione, adesso finalmente arriva l’inaugurazione della strada.i

Questa mattina alle ore 11.30, il sindaco metropolitano, Antonio Decaro, inaugurerà l’intero tratto della strada provinciale 127 che, dall’abitato di Acquaviva delle Fonti, porta all’ospedale “Miulli”.

Oltre cinque chilometri di strada interessati da lavori di ammodernamento e l’allargamento dove sono state realizzate anche due rotatorie, un ponte di sovrappasso e impianti di pubblica illuminazione. Interverranno anche il consigliere metropolitano delegato alla viabilità, Michele Cavone, il sindaco di Acquaviva delle Fonti, Davide Carlucci, e mons. Giovanni Ricchiuti, arcivescovo della diocesi di Altamura, Gravina e Acquaviva.

La sp 127 ha un valore strategico per il territorio vista la presenza, lungo tale direttrice, di un grande ospedale regionale, un’arteria fondamentale perché consente ai mezzi di soccorso di raggiungere in breve tempo l’ospedale dai Comuni limitrofi, dall’autostrada e principali strade provinciali. Un ingente investimento economico pari a circa 5 milioni di euro tra fondi regionali e della Città metropolitana di Bari. La realizzazione di tale opera, il cui cantiere è stato avviato alla fine del 2014, è stata complessa e articolata dal punto di vista dell’esecuzione degli interventi sia per la gestione delle interferenze con vari enti sia per non intralciare le esigenze dell’ospedale, dell’utenza e delle società che gestiscono le autolinee. Sono in corso anche i lavori di realizzazione della pista ciclabile adiacente alla s.p. 127, finanziata per 650 mila dalla Città metropolitana.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo