Discovering Salento: 50 comuni da vivere tutto l’anno

0

Dal 15 novembre avrà inizio Discovering Salento, un nuovo modo di esplorare, scoprire e da vivere tutto l’anno ben 50 comuni pugliesi. Nei week end e durante le festività, fino al 6 gennaio, ci saranno tante occasioni per scoprire gratuitamente e in modo innovativo chiese, castelli e musei, siti archeologici e cantine, parchi naturali, borghi rurali, masserie didattiche, laboratori artigianali, riti e tradizioni del sud della nostra regione.

Un patrimonio di beni e di eventi diffusi sul territorio di forte richiamo turistico che l’Assessorato al Turismo della Regione Puglia, attraverso l’Agenzia regionale PugliaPromozione, ha valorizzato e organizzato in rete già con Puglia Open Days e che adesso sono messi in luce in particolare nel Salento grazie anche alla cooperazione tra pubblico e privato. Il lascito dell’importante partenariato messo in atto in Puglia Open Days con il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, la Conferenza Episcopale Pugliese e l’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia – Puglia, si traduce con Discovering Salento in una particolare attenzione nel donare un’offerta sempre più all’avanguardia per i turisti.

Con Discovering Salento, chi verrà in Puglia in questo particolare periodo dell’anno, troverà ad attenderlo un programma articolato e pieno di attività gratuite come le visite e attività nei siti culturali quali musei della civiltà contadina, parchi archeologici, castelli, centri storici, tanti laboratori creativi come quelli di teatro delle marionette o di pucce e pasticciotti, e ancora trekking e bici nei parchi naturali, ma anche diving e kite surf, itinerari in bus tra mercatini di Natale e presepi viventi, masserie, cantine e aziende dove degustare vino e prodotti tipici alla scoperta, appunto, di una Puglia autentica e ricca di arte, cultura, natura e tradizioni.

Una particolare attenzione è riservata anche agli utenti con esigenze specifiche: con Puglia For All sarà possibile richiedere interpreti Lis – Lingua Italiana dei Segni – e visitare musei e centri storici mediante visite multisensoriali. Inoltre, con Puglia For Kids, i laboratori e le visite guidate parlano il linguaggio dei bimbi.

Informazioni e prenotazioni sono reperibili attraverso la Rete Regionale degli Uffici d’informazione ed accoglienza turistica, dove è possibile ritirare la brochure informativa, e mediante gli stessi organizzatori. Inoltre, aggiornamenti sempre disponibili sul sito internet www.viaggiareinpuglia.it e sui profili dei principali social networks. È possibile raccontare le proprie esperienze con immagini, video e post da condividere con hashtag #DiscoveringPuglia.

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo