Domani a Bitritto l’asordio dei Jazz Sounders “Inside Out”

0

Domani, venerdì 22 dicembre concerto di esordio della nuova formazione JAZZ SOUNDERS presso il jazz club New Taylor’s Pub a Bitritto (BA), in via Padre Pio da Pietrelcina 5.

Il gruppo, dalla singolare formazione strumentale, è costituito da musicisti a cavallo tra due generazioni della scena jazzistica pugliese: Francesco Defelice al vibrafono, Roberto Inciardi alla chitarra, Giuseppe D’Abramo al contrabbasso e Aldo Bagnoni alla batteria. Il repertorio si basa su arrangiamenti originali di celebri composizioni tra hard bop e modale: un jazz elegante e dinamico, piacevole ma senza compromessi. Inizio alle 21.30.

Per prenotazioni: 0803212770 – 3669754294 – 3392843056 – 3291008529.

Jazz Sounders, nuovo quartetto pugliese composto da musicisti dall’esperienza nazionale e internazionale, è una formazione dalla particolare geometria strumentale, che vede affiancati vibrafono e chitarra a contrabbasso e batteria, in un sound solidamente jazzistico.

In Jazz Sounders ciascun musicista è protagonista della creazione e contibuisce ad un clima dinamico e coinvolgente, in una dimensione di interplay. Il repertorio fa riferimento alle atmosfere degli anni Cinquanta e Sessanta, in cui swing ed eleganza, spesso in un mood latino, sono il fulcro di tutta l’operazione artistica, che guarda al bop, all’hard bop e al modale.

Autori come John Coltrane, Duke Ellington, Cedar Walton, Thelonious Monk, Woody Shaw, Billy Strayhorn, Miles Davis, Sam Rivers, Herbie Hancock, insieme a standard più classici, sono reinterpretati anche con una sensibilità più contemporanea: una performance energica, ma sempre attenta alla cantabilità, un’esperienza pienamente calata nel Jazz, quello più intenso e senza compromessi.

Francesco Defelice

Vibrafonista, batterista, percussionista, arrangiatore, compositore, ha intrapreso da giovanissimo gli studi musicali. Nel 2004 ha conseguito il Diploma di Conservatorio in Strumenti a Percussione presso il Conservatorio di Musica “E.R. Duni” di Matera, dove nel 2006 ha conseguito il Diploma in Musica Jazz e nel 2007 il Diploma Accademico di II Livello in Discipline Musicali ad indirizzo Interpretativo e Compositivo con massimo dei voti e Lode con la tesi “Radici Africane del Jazz Moderno”. Ha frequentato corsi di perfezionamento con Francesco Locascio, Saverio Tasca, Ed Saindon, Dave Samuels, Attilio Zanchi. Si è esibito in manifestazioni locali e nazionali sia nell’ambito prettamente musicale che in quello musical – teatrale. Ha collaborato con Bruno Tommaso, Achille Succi, Joe Johnson, Radio Babel Marseille. Si esibito in vari Festival, tra cui Materadio, Talos, Gezziamoci, Terra delle Gravine, Veneto Jazz, Teatro 32 (Asti), Zona Franca (Teatro Ducale di Parma),  Castel dei  Mondi (Andria), Teatri di Terra (Ostuni), Teatri Primitivi (Leverano ), Terre di Teatri (Giulianova).

Roberto Inciardi

Studia chitarra jazz con i maestri Guido Di Leone e Gabriele D’Angela e teoria jazz con il maestro Nico Marziliano presso Il  Pentagramma di Bari. Studia contrabbasso con il maestro Enzo Pietropaoli e frequenta corsi di perfezionamento jazz con Danilo Rea, Enzo Pietropaoli, Fabrizio Sferra e Daniele Scannapieco presso l’Accademia Musicale Romana. Ha avuto occasione di collaborare con musicisti come Ian Paice (Deep Purple), Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Achille Succi, Steve Hudson, Tom Kirkpatrick, Giampaolo Ascolese, Agostino Marangolo ed altri, in varie occasioni  e festival.

Giuseppe D’Abramo

Diplomato in contrabbasso classico con G. Rinaldi al conservatorio di Bari e laureato in musicologia all’università di Bologna, vanta collaborazioni nazionali ed internazionali in ambito jazzistico e orchestrale – cameristico. Negli anni ha frequentato seminari, lezioni e corsi con Barry Harris, Dado Moroni, Joseph Lepore, Paolino Dalla Porta, Michael Rosen, Flavio Boltro, Saul Rubin, oltre a molti corsi di perfezionamento orchestrale. Ha avuto l’occasione di collaborare con Michele Lomuto, Bruno Tommaso, Achille Succi, Daniele Scannapieco, Alessio Menconi, Salvatore Bonafede, Joe Johnson, Vagelis Merkouris, Radio Babel Marseille.

Aldo Bagnoni

Batterista e compositore tra jazz e musica improvvisata, prevalentemente autodidatta, ha suonato ed inciso con molti musicisti di prima grandezza, tra cui Stefano Battaglia, Furio Di Castri, Michel Godard, Nguyên Lê, Robin Kenyatta, Tim Berne, Gianni Bedori, Cristina Zavalloni, Massimo Urbani, John Surman, Paolo Fresu, John Zorn, Louis Sclavis, Pietro Tonolo, Yves Robert, Bruno Tommaso e molti altri. Ha diretto propri gruppi, in cui spesso ha utilizzato il connubio del jazz con la poesia o col teatro, prevalentemente con propri testi. Ha tra l’altro collaborato col regista Corrado Veneziano e con la coreografa Ornella d’Agostino. Tra i fondatori della Dolmen Orchestra, ha diretto o codiretto alcuni festival jazz tra Puglia e Basilicata tra il 1996 ed il 2011 (“Jazz & Altro/Oltre il jazz” e “Phonetica Jazz Festival”). Ha inoltre svolto attività di giornalista e critico musicale, per poi dedicarsi unicamente alla musica suonata.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.