Ecotassa, bene la differenziata a Grottaglie. Ma il Pd attacca: “solo merito dei cittadini”

0

Ecotassa, a Grottaglie uno sconto sull’importo da pagare, grazie all’incremento di differenziata effettuata nell’ultimo anno, ma il Pd attacca l’amministrazione: “è solo merito dei cittadini, non certo di chi non ha fatto nulla”.

Con una lettera aperta, la sezione cittadina del Partito Democratico ha voluto prendere posizione sulla situazione della raccolta differenziata in città. Eccone il testo.

“Cambiare tutto per non cambiare nulla. Questo il riassunto della vicenda sull’ecotassa nella nostra Città.

Una premessa d’obbligo: il Partito Democratico si ritiene ovviamente soddisfatto che Grottaglie potrà usufruire di uno sconto sull’ecotassa, ma ritiene anche, che il merito si debba attribuire esclusivamente ai cittadini. Non v’è motivo di sbandierare inutili trionfalismi da parte di una Amministrazione comunale che non è stata in grado di porre in essere alcun provvedimento serio affinchè la percentuale di raccolta differenziata aumentasse, percentuale sempre molto bassa rispetto agli standard della maggior parte dei Comuni pugliesi.

Infatti la Regione Puglia, per l’anno 2017, aveva previsto una premialità per quei Comuni che, nei mesi di settembre e ottobre, avessero raggiunto una percentuale di raccolta differenziata del 5% in più rispetto all’anno precedente, premialità consistente in uno sconto sull’ecotassa. Poiché il Comune di Grottaglie ha raggiunto una quota di aumento del 7,3%, la Regione Puglia non applicherà l’aliquota massima dell’ecotassa spettante pari ad €/ton 25,82 ma quella scontata, di €/ton 22,59.

Riteniamo quindi esagerato l’entusiasmo con cui si è salutato un risultato che, lo ripetiamo, malgrado il risparmio di spesa, non è nè più nè meno che quello ottenuto dalla passata Amministrazione, senza che quest’ultima avesse avuto bisogno di minacciare con il megafono i cittadini che non differenziavano. Risultato ottenuto anche “grazie alle 60 multe comminate ai cittadini”, queste le parole dell’Assessore Chianura, quasi a sottolineare che in quei due mesi, e solo in quelli, vigeva lo “stato di polizia”, giustificato dall’obiettivo da raggiungere.

Ancora una volta le politiche di gestione dei rifiuti vengono fatte “in emergenza”, senza avere alcuna visione concreta per la risoluzione strutturale dei problemi.

Erano state promesse rivoluzioni e, invece, stiamo assistendo, anche su questo argomento, solo ad una ordinaria amministrazione stentata e fatta male. I cittadini si aspettavano ben altro.

Ma, passati questi due mesi, ci si domanda quali siano le politiche per incentivare e gestire i rifiuti nella nostra città, o meglio, se l’Amministrazione in carica sia è in grado di proporre politiche di gestione dei rifiuti, al di là degli slogan.

Nessun passo avanti dunque, rispetto agli anni scorsi. Solo semplice improvvisazione, a cui si aggiunge l’arroganza delle decisioni e la mancanza di una visione su una materia, qual è quella dei rifiuti, che ricordiamo era il “cavallo di battaglia” degli attuali amministratori quando gli stessi erano all’opposizione”.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.