Emiliano: rottura del tendine del piede confermata

0

Un infortunio serio, quello che oggi ha subito Michele Emiliano, con la rottura tendine di Achille del piede destro che necessiterà di un intervento chirurgico.

A spiegare le dinamiche dell’incidente, avvenuto ad Acquaformosa (centro di lingua albanese della Calabria cosentina), è lo stesso Presidente della Giunta regionale pugliese, con un messaggio su facebook ed un video.

“Non vi preoccupate, sto bene – ha scritto Emiliano – ho il morale alto, ma temo di essermi rotto il tendine di Achille mentre ballavo con un gruppo folk calabro-albanese di Acquaformosa in Calabria. Si tratta di un comune speciale dove hanno dato vita ad un modello di accoglienza per migranti che ha portato ricchezza e prosperità al paese e che viene studiato in tutta Europa come una delle migliori prassi mondiali in materia. Il sistema è stato messo a punto dall’ex sindaco Giovanni Manoccio, attuale vicesindaco, e proseguito anche dall’attuale sindaco Gennaro Capparelli. La campagna elettorale continua, “Noi” non molliamo mai”.

Rottura parziale del tendine d’Achille del piede destro e operazione per il governatore della Regione Puglia. Questo l’esito degli esami cui è stato sottoposto all’ospedale di Foggia il candidato alla segreteria del Pd, Michele Emiliano.

“Il presidente – ha detto alla stampa il direttore generale della struttura, Antonio Pedota – ha fatto il percorso che fanno tutti i pazienti, passando dal Pronto Soccorso dove è stato sottoposto a tutti gli accertamenti del caso. E’ stato sottoposto anche ad una risonanza magnetica per accertare il grado di gravità dell’infortunio ed ora è in sala operatoria. Se l’intervento andrà bene, già domani potrà lasciare gli Ospedali Riuniti. Sarà sottoposto ad anestesia parziale e verrà operato dal professor Donato Vittore, un luminare del settore. Una persona molto qualificata ed eccellente sia dal punto di vista professionale che umano”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo