Eternit Free, parte la campagna di Legambiente

0

C’è ancora tanto da fare per bonificare la Puglia dall’amianto. “Si stima in un milione e 750 mila metri cubi la presenza complessiva di amianto in Puglia dove sono 5.000 i tetti interessati dal problema”. I dati sono stati diffusi oggi a Bari in occasione della presentazione di Puglia Eternit Free. Più strumenti per difendersi dall’amianto ed eliminare il pericolo rappresentato dai depositi e dalle polveri sottili avviando un percorso virtuoso a tutela della salute. È questo l’obiettivo della prima campagna regionale di informazione sul rischio amianto promossa da Legambiente Puglia, con il patrocinio dell’Assessorato alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia e con la collaborazione del partner tecnico Teorema Spa, mirata alla rilevazione statistica di amianto nelle aree urbane, industriali e agricole.

“Puglia Eternit Free” è stata presentata questa mattina in conferenza stampa da Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia, alla presenza di Lorenzo Nicastro, Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Francesco Spina, Presidente della Provincia Bat,Giovanni Campobasso, dirigente del Servizio Rifiuti e Bonifiche della Regione Puglia e Giovanni Milano, direttore tecnico della Teorema Spa.

“Nel nostro Paese a distanza di 22 anni dall’entrata in vigore della legge che ha messo al bando la fibra killer – commenta Francesco Tarantini – poco è stato fatto sul fronte del risanamento ambientale e dello smaltimento dei materiali contenenti amianto per arginare l’impatto sanitario provocato dall’esposizione alla fibra killer che causa ogni anno 4mila vittime. Con questa campagna vogliamo, oltre che informare sul rischio amianto, anche affiancare i cittadini nella fase del monitoraggio di situazioni sospette e in quella del censimento obbligatorio previsto dalla legge”.

Legambiente, nell’ambito dell’iniziativa, ha attivato il numero verde 800 131 026 a cui cittadini ed enti potranno rivolgersi per richiedere un sopralluogo tecnico gratuito al fine di censire l’eventuale presenza di materiali e/o manufatti contenenti amianto. In caso di esito positivo, quanti ne faranno richiesta saranno affiancati nella compilazione della scheda di autonotifica al fine di procedere al censimento previsto per legge.

Alla campagna regionale di Legambiente Puglia hanno già aderito 10 Comuni pugliesi: Bisceglie, Bitonto, Capurso, Cassano delle Murge, Cellamare, Gioia del Colle, Margherita di Savoia, Massafra, Ruffano, Trani. In passato Legambiente ha ottenuto buoni risultati nella lotta contro l’amianto grazie alla campagna di sensibilizzazione Provincia Eternit Free, a cui aderirono ben tre province pugliesi: Lecce, Bari e Bat.

“Chiediamo alla Regione Puglia – aggiunge Tarantini – di approvare definitivamente il Piano Regionale Amianto e di stanziare le risorse economiche necessarie per garantire la rimozione e la bonifica delle strutture contaminate dalla fibra killer. È imprescindibile inoltre la realizzazione di un’impiantistica regionale di trattamento e smaltimento a supporto delle auspicabili operazioni di bonifica”. La campagna “Puglia Eternit Free” sarà anche l’occasione per rilanciare la piece teatrale di Legambiente “Altrove”, ispirata al romanzo “Pane e Amianto” di Giuseppe Armenise sul caso Fibronit di Bari. “Il futuro ci appartiene – conclude Giovanni Milano, direttore tecnico di Teorema Spa – e per tale ragione abbiamo la consapevolezza di sensibilizzare le coscienze, poiché siamo tutti chiamati ad un gesto di responsabilità: quello, appunto, di tutelare la nostra salute. Noi ci crediamo”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo