Fasano: non pagate la Tarsu con i bollettini recapitati

0

La Tarsu a Fasano non deve essere pagata entro il 31 dicembre. Ma non significa che non si dovrà pagare. Si è trattato, infatti, di un disguido tecnico nei bollettini che in questi giorni sono stati recapitati ai cittadini.

Stanno arrivando a domicilio di alcuni contribuenti fasanesi bollettini Mav elettronici trasmessi dalla “Banca C.R. Asti spa”, con cui in nome e per conto della “Serti spa” (la società gestrice dei tributi locali del Comune di Fasano) viene richiesto il pagamento della Tarsu (la tassa sui rifiuti) entro il 31 dicembre 2014.

Questi bollettini non vanno pagati, poiché, come sottolinea l’Amministrazione comunale in una nota, evidentemente l’istituto bancario si è confuso indicando come destinatario del versamento il conto corrente della stessa “Serti spa” e non, com’è invece previsto, il conto corrente del Comune di Fasano. L’equivoco è stato chiarito dalla stessa “Serti spa” con una lettera inviata al sindaco Lello Di Bari e, per conoscenza, al centro “Tricom” di Fasano presso il quale alcuni contribuenti si erano recati nella giornata di ieri per chiedere delucidazioni sui bollettini Mav elettronici ricevuti. Dunque, questi non vanno pagati.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo