Fc Bari, Daniele Sciaudone: “Nel calcio i successi si costruiscono col tempo” [Video]

0

E’ stato l’uomo simbolo del Bari dello scorso campionato. Daniele Sciaudone quest’anno sta facendo un po’ più fatica del previsto. Ma nulla di grave, è fisiologico, anche per il fatto che quest’anno i biancorossi sono la compagine da battere. Anche Sciaudone tiene a sottolinearlo. Le attese erano diverse, dal Bari dell’anno scorso non ci si aspettava più che la salvezza: “L’anno scorso nelle prime sette partite di campionato dagli spalti non è arrivato un solo fischio, gli spettatori erano mille e non tanti quanto quelli della gara contro il Modena, ma le aspettative erano diverse. Non c’erano pressioni. E da parte nostra c’era quella libertà mentale che poi ci ha permesso di arrivare dove siamo arrivati. Puntare a vincere il campionato da un anno all’altro non è facile. Se la squadra fosse rimasta in blocco quella dello scorso anno, avrei potuto capire. Ma abbiamo cambiato tanto. Nel calcio i successi si costruiscono col tempo, a parte casi eccezionali. Le pressioni esterne non devono essere un alibi per nessuno, ma dateci il tempo necessario per trovare i giusti equilibri”.

Domenica non c’è la Serie A e i biancorossi affronteranno il Catania al Massimino nella sfida delle 12.30: “Le pressioni saranno tutte per loro. In classifica sono dietro e in più giocano in casa. Sarà una gara bella e tosta. Arriviamo da un periodo un po’ sfortunato, ma daremo tutto per riscattarci. Vogliamo fare risultato. Dovremo migliorare in lucidità mentale e nella gestione delle forze. Ma dovremo dimostrare più determinazione. Quella non la puoi allenare, devi cercarla dentro di te”.

Infine un cenno sui suoi celebri selfie. Ultimamente sono mancati e i tifosi se ne sono accorti chiedendosi perché: “Ho sentito il bisogno di pubblicarne uno perché percepivo che alla gente mancava qualcosa – chiude Sciaudone – volevo dare dimostrazione di come la squadra sia unita. Come l’anno scorso organizziamo cene e giochi per compattare quanto più possibile lo spogliatoio. Negli ultimi mesi della passata stagione le mie foto creavano entusiasmo e portavano fortuna. Quest’anno ai primi selfie qualcuno mi ha anche scritto di pensare meno agli scatti e più a lavorare. Evidentemente c’è un tempo giusto per ogni cosa”.

Nessun commento

Commenta l'articolo