FdL – Workshop su SEMINA per una mobilità sostenibile

0

Nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, la nostra regione mostra ancor più l’interesse per questo tema grazie al primo workshop del Progetto SEMINA, ideato dal Comune di Bari in collaborazione con alcune aziende private e con il Politecnico, per la gestione e il monitoraggio della mobilità sostenibile nella città di Bari.

L’evento, che avrà luogo a Bari, questo pomeriggio alle ore 15:00, all’interno della Fiera del Levante, padiglione del Comune di Bari n. 169, è stato ammesso a finanziamento nell’ambito del P.O. FESR PUGLIA 2007-2013 – Bando “Supporto alla crescita e sviluppo di PMI specializzate nell’offerta di contenuti e servizi digitali – Apulian ICT Living Labs – Verso Puglia Digitale 2020”.
Il Living Lab “S.E.M.I.N.A. – Sistemi Evoluti per la Mobilità Intelligente in Network urbani Agili” è finalizzato allo sviluppo di un nuovo sistema informativo per la gestione della mobilità sostenibile in ambito urbano.

Il progetto nasce dall’esigenza del comune di Bari d’integrare le diverse soluzioni per la mobilità avviate in questi anni nell’ambito del programma Bari Smart City, in un sistema integrato di monitoraggio della mobilità sostenibile e intelligente di Bari. Per tale motivo le società Planetek Italia, MACNIL e SITAEL, che già stanno sviluppando autonomamente soluzioni “smart” per Bari, hanno stabilito di operare insieme, con il supporto del Politecnico di Bari, per creare un’unica piattaforma di monitoraggio della mobilità sostenibile in grado di fornire dati e informazioni alla città di Bari per misurare la sua smartness.

Oltre all’intervento dei Partner di Progetto, è prevista la partecipazione dell’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico, Loredana Capone, del Direttore Generale di InnovaPuglia, Francesco Surico, del Presidente AMTAB, Tobia Renato Binetti, del Responsabile Settore Mobilità Urbana Comune di Bari, Claudio Laricchia. Concluderà i lavori il Sindaco della Città di Bari, Antonio Decaro.

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo