Fitto. Più chiaro di così! “Non sono e non sarò il candidato”

0

Matteoli e Toti ne sono certi. Anche oggi ribadiscono che in Puglia i giochi sono chiusi e che il candidato del centrodestra (ma dovrebbero dire di Forza Italia) è Raffaele Fitto.

Ma chi dei due lo spiega al diretto interessato? Che sul suo blog con una lunga lettera indirizzata al padrone del vapore, Silvio Berlusconi, getta al centro del tavolo da gioco le carte.”Ho il dovere – una volta per tutte – di ribadire pubblicamente quello che ti ho già più volte spiegato in privato: la mia ricandidatura in Puglia non c’è e non ci sarà. Dunque, perché continuare con balletti senza costrutto?”

Fitto poi ribadisce la necessità e la possibilità delle primarie.

“Piuttosto, anziché fare esercizi tattici nei miei confronti, insieme ai tuoi così saggi consiglieri faresti meglio a considerare un fatto nuovo, che porta ulteriore acqua al mulino delle mie tesi. In base all’election day appena deciso, le elezioni regionali non si terrannno a marzo, bensì a maggio, due mesi più avanti. Ergo, non c’è più nessuna ragione per dire – come mi si obiettava – che è impossibile tenere le primarie. Le primarie sono, ad oggi, il più valido strumento di mobilitazione di energie e idee, in una competizione libera e aperta, che farebbe un gran bene al centrodestra in tutte le regioni interessate al voto. E propongo di tenerle nel mese di febbraio. A meno che non si preferisca seguire la strada fallimentare già scelta in Emilia e Calabria: arrivare in ritardo con candidature decise in una stanza, annunciate via comunicato stampa, costringendo i candidati presidenti a una corsa ad handicap, perché privi del necessario slancio popolare iniziale.

Fitto infine conclude la sua lettera con un chiarimento. Lui è per costruire un centrodestra distante e distinto da Matteo Salvini e da Matteo Renzi.

“Non intendo iscrivermi né a Forza Matteo 1 (Renzi) né a Forza Matteo 2 (Salvini), ognuno dei quali – peraltro – fa benissimo il proprio mestiere. Siamo noi che non lo facciamo più: il nostro compito è quello di fare tutto il possibile per invertire la rotta e contribuire a dare al nostro centrodestra un futuro e una prospettiva”.

Primarie, dunque, è l’ultimo rimpallo nel balletto un po’ stucchevole di Forza Italia. Ma con quali candidati? E quando? Su questo Fitto è meno pronto a rispondere.

Nessun commento

Commenta l'articolo