Foggia: si all’internalizzazione dei servizi di riscossione dei tributi

0

Basta con l’affidamento a società esterne. Il personale del Comune di Foggia ha competenza e capacità per provvedere internamente ai servizi di accertamento e riscossione dei tributi locali. Questa la decisione presa dalla Giunta presieduta da Franco Landella.

“La delibera con la quale la Giunta comunale ha disposto l’internalizzazione del servizio di accertamento e di riscossione di Imu e Tasi è un segnale di netta inversione di tendenza rispetto a quanto avvenuto nel passato  in una materia importante come quella della gestione dei tributi locali. È un atto dalla valenza politica rilevante e che qualifica l’azione amministrativa dell’esecutivo comunale e del sindaco Franco Landella”. Così Giuseppe Mainiero, portavoce cittadino e capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale al Comune di Foggia, commenta la deliberazione recentemente assunta dalla Giunta comunale del comune capoluogo.

“La vicenda relativa alla riscossione dei tributi comunali e del rapporto tra Comune di Foggia ed Aipa SpA è stato uno dei primi atti con i quali la nuova Amministrazione comunale è stata costretta a confrontarsi al momento del suo insediamento – afferma Mainiero –. Un’eredità pesante, da un lato per le sue poco chiare connotazioni amministrative e dall’altro per le sue ricadute economiche. Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale ha studiato a fondo la materia, ponendo all’attenzione dell’opinione pubblica e del Consiglio comunale i suoi aspetti controversi, che ho personalmente segnalato anche alla Procura della Repubblica. Ero e sono convinto, come la delibera di Giunta ha opportunamente confermato sul piano formale, che a seguito degli interventi legislativi che hanno abrogato e modificato in modo sostanziale la natura di alcuni tributi Aipa SpA non fosse legittimata a svolgere il servizio di accertamento e riscossione. Un aspetto condiviso dallo stesso consiglio comunale in occasione dell’approvazione del bilancio di previsione 2014,  dal quale è stato stralciato l’aggio a favore di Aipa SpA per Imu e Tasi”.

“L’internalizzazione di questo servizio dunque è un atto dalla forte valenza politica, che mette ordine in un campo nel quale per anni c’è stata una superficialità amministrativa notevole. Questo intervento, infatti, farà risparmiare a regime all’Amministrazione comunale oltre 5 milioni di euro ogni anno, l’equivalente di quanto il Comune riconosceva ad Aipa SpA come aggio – specifica il portavoce provinciale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale –. Questo senza considerare la richiesta che gli uffici del Servizio Finanziario hanno trasmesso ufficialmente ad Aipa SpA per la restituzione dei 8 milioni di euro di aggio per l’Imu trattenuti sulla Tares per il 2012 ed il 2013. Risorse economiche importanti, specie nella fase di grande difficoltà finanziaria vissuta dal Comune”.

“Una decisione che va nella direzione della trasparenza, della linearità amministrativa e nell’interesse collettivo – conclude Mainiero – che il nostro partito ha fortemente voluto e per la quale si è battuto. È questo uno dei passaggi decisivi per realizzare quel cambiamento che il centrodestra ha raccontato in campagna elettorale e che segna la discontinuità rispetto all’eredita gravosa ricevuta al momento del nostro insediamento. Da questo punto di vista credo che l’Amministrazione comunale dal 2015 debba accettare la sfida dell’internalizzazione non solo di Imu e Tasi, ma dell’intero impianto tributario e tariffario relativo ai servizi erogati dal Comune. Una sfida che, sono certo, questa Amministrazione saprà affrontare restituendo a questo campo efficienza, efficacia ed economicità”.

 

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo